Cronaca
A Santa Maria Hoè

Quando sindaco e vigili se ne vanno spuntano gli assembramenti: multe da 400 euro in arrivo

Il sindaco Brambilla è una furia: "Ce la fanno sotto il naso!".

Quando sindaco e vigili se ne vanno spuntano gli assembramenti: multe da 400 euro in arrivo
Cronaca Meratese, 10 Maggio 2020 ore 20:10

Per la serie: quando il gatto non c'è, i topi ballano. Nonostante un'intensa domenica trascorsa a controllare il paese da parte del sindaco di Santa Maria Hoè e della Polizia Locale, dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza spuntano scene evidenti di assembramenti di persone.

LEGGI ANCHE Controlli serrati nel weekend: scovati assembramenti di giovani e pulmini svizzeri

Assembramenti in barba ai controlli

Il sindaco Efrem Brambilla ha oscurato i volti dei protagonisti di uno dei vari assembramenti registrati oggi a Santa Maria Hoè, ma ha condiviso su Facebook una foto emblematica. "Questi filmati ripresi a Santa Maria Hoè mi fanno capire di come molte persone non abbiano capito nulla di questa emergenza e delle regole da rispettare - ha commentato, profondamente amareggiato - Oggi abbiamo fatto una lunga giornata di controlli, con Polizia Locale e Carabinieri. Rientro e mi ritrovo questi girati dalla videosorveglianza, ripresi proprio nelle ore in cui io ed il comandate Placido Ghezzi avevamo staccato un attimo. Avevano ragione coloro che dicevano: ve la fanno sotto al naso!".

Persone sdraiate e pallonate contro Villa Semenza

Brambilla, che ha gestito l'emergenza Coronavirus in prima persona e sempre con grande spirito di collaborazione con la sua cittadinanza, è una furia. "Persone spiaggiate, come se fossero al mare. Che tirano pallonate per ore contro i bellissimi muri di Villa Semenza di Santa Maria Hoè, una villa di fine 1500, immersa nella natura ad Hoè Inferiore. Hanno fatto i Pic Nic. Niente distanze, niente guanti, niente mascherine, niente di niente... Forse anche nella testa hanno niente. Questo sarebbe il buon senso di cui abbiamo sentito tanto parlare?".

La colpa è dei sindaci sceriffi?

Scene che mostrano evidentemente una scarsa consapevolezza dei rischi che si continuano a correre, nonostante la Fase 2 sia iniziata. "Poi la colpa è dei Sindaci, i cosiddetti Sceriffi? Sono loro il problema, vero? - si è chiesto ironicamente il sindaco, facendo anche riferimento allo striscione apparso oggi a Olgiate al quale il collega Bernocco ha pure risposto - Che tolgono la libertà di non rispettare le regole in vigore? Sono loro che dicono chi sono i cattivi? Che dividono la maggioranza della popolazione da quella sparuta minoranza che fa quello gli pare? A quanto pare sono proprio cattivi questi Sindaci! A quanto pare secondo alcuni il sottoscritto Sindaco Efrem Brambilla è un brutto Sceriffo! Mi rendo conto che in questa maniera non ne usciremo facilmente. Andando avanti così, senza responsabilità, senza le dovute attenzioni, si tornerà facilmente indietro. Alle chiusure che tutti temiamo".

Sanzioni da 400 euro in arrivo

Chi pensava di essere furbo, però, presto dovrà mettere mano al portafoglio. "Finché ci saranno irresponsabili come questi la pandemia non cesserà. Come le sanzioni da 400 euro, appena saranno identificati dalle numerose riprese già in possesso dalla nostra Polizia Locale. Chi si fa beffa delle ordinanze non ha rispetto per chi invece è in trincea negli ospedali a cercare di salvare il più possibile vite umane mettendo a repentaglio la propria".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie