Dibattito a Merate

Viale Verdi, parla il sindaco: “Non arretreremo di un passo”

Massimo Panzeri nel pomeriggio di oggi, venerdì 25 settembre 2020, ha ribadito concetti per altro già espressi in passato rispondendo alle polemiche della minoranza.

Viale Verdi, parla il sindaco: “Non arretreremo di un passo”
Meratese, 25 Settembre 2020 ore 15:13

Non poteva non intervenire sul nuovo dibattito su viale Verdi sollevato dal gruppo di minoranza: Massimo Panzeri, sindaco di Merate, nel pomeriggio di oggi, venerdì 25 settembre 2020, ha ribadito concetti per altro già espressi in passato. E cioè che il progetto, discusso in diverse sedi e nato dopo un iter lungo e complesso, verrà portato a termine.

Viale Verdi, parla il sindaco

“Su una cosa viale Verdi mette tutti d’accordo: bisogna intervenire al più presto! – ha esordito il sindaco, che ha affidato la sua replica alle polemiche alla pagina Facebook di Più Prospettiva –
Lo dicono gli automobilisti, i ciclisti (pochi a dire il vero), i motociclisti, gli operatori delle ambulanze, gli autisti degli autobus e non da ultimi i pedoni che percorrono quotidianamente l’arteria principale della nostra città. Tutti costretti a gincane tra buchi e rattoppi, spesso ad inutili attese in coda ai semafori e a camminamenti ostruiti da auto in sosta selvaggia. Sono anni che si dibatte sul come e cosa fare. Già nel 2009 quando divenni assessore ai lavori pubblici trovai nel piano delle opere pubbliche una cospicua somma destinata alla riqualificazione della via poi stralciata causa patto di stabilità”.
LEGGI ANCHE Viale Verdi, il comitato replica alla minoranza: “Il vostro candidato voleva i semafori…”

Un progetto che nasce dal confronto

Diversi i punti di disaccordo, però, tra Amministrazione, comitato, forze politiche di opposizione e gruppi spontanei di cittadini (come quelli che contestavano l’abbattimento degli alberi nei pressi dell’asilo). “Semplice asfaltatura, rotonde sì-rotonde no, alberi sì-alberi no, più parcheggi-più marciapiedi, pista ciclabile sì o no, sono tutti temi emersi in questi anni e che probabilmente non metteranno mai d’accordo all’unisono – ha continuato il sindaco – Come in ogni altro settore d’altro canto: politico, sportivo, culturale, ecc. Questa Amministrazione sta strenuamente-gli adempimenti procedurali sono molteplici- portando avanti il progetto che ha ereditato dalla precedente . Progetto, lo ricordiamo nuovamente, che nasce da un concorso d’idee poi elaborato dalla Provincia, non prima di essere stato pubblicamente condiviso e presentato nelle sedi deputate. Bello? Brutto? Tutto è opinabile e migliorabile ci mancherebbe. Di certo nasce da un dibattito, da un confronto con chi ci vive nel viale anzitutto, non certo con famigerati comitati ( ad eccezione di quello di quartiere che ha da sempre collaborato in modo propositivo) composti da un paio di sedicenti attivisti o addirittura da gente che probabilmente ha utilizzato il navigatore per arrivare a Merate”.

“Non arretreremo di un passo”

Dunque la voglia di ascoltare idee e suggerimenti – e anche critiche – ma anche idee chiare. “Abbiamo scelto il percorso probabilmente più complesso e articolato; asfaltare come abbiamo fatto in via De Gasperi quest’estate sarebbe stato certamente più semplice – ha ribadito Panzeri – Vogliamo invece cambiare la via, renderla più bella e meglio servita. Per chi ci vive, per chi ci transiterà e per i chi ci lavora. Ascolteremo ancora e modificheremo nel limite del possibile tenendo conto delle esigenze di tutti , come abbiamo peraltro sempre fatto, ma non arretreremo di un passo rispetto al progetto”.
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia