Cronaca
A Bergamo

Giudice si sente male per il caldo in aula

Temperature fino a 35 gradi in Tribunale a causa impianto di condizionamento rotto da tempo.

Giudice si sente male per il caldo in aula
Cronaca Isola, 23 Giugno 2022 ore 17:09

Il grande caldo di questi giorni fa "vittime" illustri: il giudice Donatella Nava si è infatti sentita male ed è svenuta martedì 20 giugno al Tribunale di Bergamo a causa del caldo in aula. Del resto all'interno del Palazzo di Giustizia le temperature in questi giorni hanno sfiorato i 35 gradi e all'esterno è andata anche peggio: sono numerosi i malori avvenuti sia in Brianza che addirittura in montagna.

Malore per il caldo in aula

Martedì 20 giugno nell'aula 3, a fine giornata, la temperatura registrata si aggirava intorno ai 30 gradi. Per questo motivo la giudice Donatella Nava è svenuta ed è stata portata via in ambulanza. Il giorno successivo, mercoledì, ha preferito rimanere a casa per potersi riprendere completamente.

Il caldo nell'aula era causato dalla struttura dell'edificio, con ampie vetrate, ma soprattutto dall'assenza di un impianto di condizionamento, rotto dal maggio scorso

L'impianto di condizionamento non viene riparato

Nonostante sia rotto dal maggio scorso, l'impianto di condizionamento del tribunale non è ancora stato riparato. Una situazione insostenibile per chi, come Donatella Nava, passa le giornate in aula. Ciò che preoccupa è che l'impianto non sembra poter essere riparato a breve: a causa della mancanza di materie prime, i ricambi non sono attualmente disponibili e comunque, prima di poterli utilizzare, il sistema deve essere rimodernato.

Cesare de Sapia, il presidente del tribunale, ha dichiarato che momentaneamente il provvedimento che prenderà sarà quello di aprire alcune finestre sopraelevate nelle aule e cercare di fare in modo che si possano utilizzare condizionatori portatili, anche se per farlo sarà necessario aumentare il voltaggio del sistema elettrico.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie