Attualità
Presidio per la pace

L'urlo della piazza di Merate: "No alla guerra"

"Siamo qui per chiedere ai governi di restituire potere alla forza delle  parole e non rassegnarsi alla logica delle armi e della violenza"

Attualità Meratese, 02 Marzo 2022 ore 19:01

Una piazza gremita come da anni, complice anche la pandemia che ci ha investito, non si vedeva. Uomini, donne, giovani e meno giovani, bambini di ogni età: nessuno è voluto mancare questa sera,  mercoledì 2 marzo 2022 al presidio per la pace promosso da una quarantina di associazioni del Meratese, che si è svolto in piazza Prinetti a Merate.  Una manifestazione sotto l'insegna dei colori dell'arcobaleno che sventolavano sulle bandiere della pace, ma anche del giallo e del blu, le "tinte" dell'Ucraina, terra martoriata dal sanguinoso conflitto scoppiato nel cuore del nostro continente. Dopo il commovente evento che si è svolto nel pomeriggio a Osnago   centinaia di  brianzoli, hanno fatto "quadrato" e si sono uniti all'unisono in una sola, accorata, pressante richiesta: "No alla guerra".

L'urlo della piazza di Merate, "No alla guerra"

A coordinare testimonianze e interventi, alternati da momenti di lettura e canti, sono stati  Cristina Mazza responsabile Amnesty e don Davide Serra, coadiutore di Merate.

6 foto Sfoglia la gallery

"Solo un breve ringraziamento prima di tutto a voi che avete deciso di uscire di casa e venire, anche dai pesi limitrofi, in questa piazza di Merate, centro simbolico della nostra città per dite insieme il nostro No alla guerra. -  ha esordito Mazza -  Crediamo che essere qui sia una scelta importante perchè testimonia la forte condivisione di un valore fondamentale e prioritario che supera ogni appartenenza e ci restituisce alla nostra comune umanità: la pace. Per questo ringraziamo tutte le associazioni che hanno voluto pubblicamente metterci la faccia aderendo alla proposta di questo presidio, coinvolgendo i propri soci, dando un volto fatto di giovani, adulti, anziani, uomini e donne a un territorio che non abbiamo mai sentito così ricco di attività sociali, sportive, culturali, educative. Un grazie anche alla Amministrazione comunale e al Questore che hanno permesso l'organizzazione un po' improvvisata di questo presidio".

5 foto Sfoglia la gallery

 

Sogni spezzati

"Oggi tanti di noi, su invito di Papa Francesco, hanno deciso di digiunare: molte persone nel mondo hanno digiunato come in altri giorni della loro vita, molti hanno dovuto digiunare costretti da questa nuova, terribile guerra nel cuore dell'Europa - ha proseguito la responsabile di Amnesty  -  Tante persone in Ucraina stanno perdendo i propri familiari  e i propri amici e cercano di proteggere i propri figli nelle cantine e nelle gallerie dalla metropolitana o di salvarli in fuga verso i confini quando avevano immaginato per loro una vita serena, fatta di giochi all'aria aperta o di sogni realizzati".

4 foto Sfoglia la gallery

"Ridare centralità al valore della pace"

"Il nostro essere qui, stasera, vuole essere un gesto condiviso di testimonianza - ha concluso - per ridare centralità al valore della pace, per chiedere ai governi di restituire potere alla forza delle  parole e non rassegnarsi alla logica delle armi e della violenza, per dire che non siamo indifferenti alla sofferenza degli altri e alla violazione dei loro diritti".

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie