Attualità
Guerra in Ucraina

Osnago scende in piazza per la pace

Il sindaco Brivio: "Insieme a milioni di altre voci chiediamo il dono della pace e lo chiediamo anche nel nome  dei  morti che si contano già a migliaia"

Attualità Meratese, 02 Marzo 2022 ore 17:57

Tra le nuvole e i sassi passano i sogni di tutti
Passa il sole ogni giorno senza mai tardare
Dove sarò domani? Dove sarò?

E' stata la canzone "Domani", scritta  in ricordo del terremoto dell'Aquila del 2009 a fare dalla colonna sonora alla manifestazione per la pace organizzata oggi, mercoledì 2 marzo 2022 a Osnago. Un evento corale, che ha visto la partecipazione numerosa di adulti e bambini che si sono riuniti in piazza  Vittorio Veneto a fianco della chiesa parrocchiale per invocare, sperare, pregare perchè il conflitto che sta insanguinando l'Ucraina cessi immediatamente.

Osnago scende in piazza per la pace

"Abbiamo intitolato questo momento Osnago chiede pace - ha  sottolineato il sindaco Paolo Brivio - Insieme a milioni di altre voci chiediamo il dono della pace e lo chiediamo anche nel nome  dei  morti che si contano già a migliaia. Ci sono anche vittime civili. Ci sono innocenti che hanno perso la vita cercando di difendere le loro case, anche a mani nude. Per loro chiedo trenta secondi di silenzio".

WhatsApp Image 2022-03-02 at 17.09.31
Foto 1 di 8
WhatsApp Image 2022-03-02 at 17.09.31 (1)
Foto 2 di 8
WhatsApp Image 2022-03-02 at 17.09.30
Foto 3 di 8
WhatsApp Image 2022-03-02 at 17.05.57
Foto 4 di 8
WhatsApp Image 2022-03-02 at 17.05.48
Foto 5 di 8
pace
Foto 6 di 8
d
Foto 7 di 8
f
Foto 8 di 8

Un conflitto, quello scoppiato nel cuore dell'Europa orientale, che sta toccando le coscienze di tutti. "Per il popolo Ucraino  chiediamo pace e diritto all'autodeterminazione" ha proseguito il primo cittadino il cui pensiero è andato non solo agli uomini e alle donne che nella terra martoriata dalla bombe vivono, ma anche a chi quella terra l'ha lasciata.

Il sindaco Poalo Brivio

"Mi riferisco alle persone che dall'Ucraina sono venute nelle nostre case: a loro abbiamo  affidato le nostre famiglie, i nostri anziani. Anche per questo sentiamo quello ucraino un popolo amico". Tante le donne ucraine che lavorando come badanti sul territorio, che ascoltando le parole del sindaco, non hanno trattenuto le lacrime.

Un momento della testimonianza di Larisa

E il dolore ha incrinato la voce di Larisa che, a nome di tutte loro, ha invocato  la pace per il suo popolo.

"Chiediamo pace anche per popolo russo perchè - ha aggiunto quindi Brivio -  Proprio i russi  ora hanno il dovere di ribellarsi e li ammiro perché sono scesi in piazza rischiando violenze e arresti".

I bambini, innocenti tra gli innocenti

Di fronte alle tante, tantissime persone che hanno accolto l'invito a scendere in piazza il sindaco non ha celato  la  propria commozione commozione. "Osnago chiede pace per i bambini, gli innocenti tra gli innocenti. Dobbiamo trovare il modo di aiutarli, in tanti si stanno già mobilitando. Ma chiedo pace per tutti i bambini del mondo: io non ho mai dovuto chiedere quello che mi hanno chiesto le mie figlie "Papà arriverà la guerra da noi?" Non arriverà bambini - ha chiosato -  state tranquilli, ma è arrivata a casa di altri bambini".

"Evitare una guerra nucleare"

"Dobbiamo invocare con tutti i mezzi che abbiamo che la diplomazia faccia la sua parte - ha aggiunto la vice sindaco Maria Grazia Caglio  - Insegniamo ai bambini che dopo i litigi si fa la pace e qui invece stiamo parlando della terza guerra mondiale, una guerra nucleare".

Il tabellone coi messaggi che verrà posizionato all'ingresso della sala civica Pertini

Caglio ha poi invitato tutti i presenti a ideare e scrivere messaggi di pace che verranno poi affissi in biblioteca e ha ringraziato l'artista  Bruno Freddi che ha realizzato una scultura che rappresenta un persona che fugge con il poco che riesce a portare via.

L'opera dell'artista Bruno Freddi

 

 

Seguici sui nostri canali
Necrologie