Attualità
Commozione

Funerali di Suor Luisa Dell'Orto, il ricordo commosso della sindaca Citterio

"Fare memoria di te e del tuo insegnamento e adoperarci, per ciò che ci è possibile, per far proseguire la tua opera è ciò che ci chiederesti da fare"

Funerali di Suor Luisa Dell'Orto, il ricordo commosso della sindaca Citterio
Attualità Meratese, 23 Luglio 2022 ore 11:59

Questa mattina, sabato 23 luglio, si stanno tenendo i funerali di Suor Luisa Dell'Orto uccisa ad Haiti. Il ricordo commosso della Sindaca di Lomagna, Cristina Citterio, durante le celebrazioni.

Funerali di Suor Luisa Dell'Orto, il ricordo commosso della sindaca Citterio

Proprio in queste ore, il Parco Verde di Lomagna è gremito di persone per l'estremo saluto a Suor Luisa Dell'Orto uccisa ad Haiti lo scorso 25 giugno 2022. Tante le autorità presenti in segno di solidarietà e vicinanza alla famiglia e alla comunità. Anche la sindaca, Cristina Citterio, durante le celebrazioni ha voluto ricordare la religiosa, che conosceva bene in quanto vicine di casa.

Così, con la voce spezzata dalla commozione, la Sindaca ha letto qualche parola per ricordare Suor Luisa.

"Cara Luisa, cari Giuseppe, Maria, Adele, Carme, cari nipoti e pronipoti, care persone che hanno conosciuto Luisa, 

mi trovo impreparata a dover esprimere un sentimento di cordoglio perché non è semplice contenere la commozione. Un sentimento di cordoglio che si è espresso in varie forme di vicinanza e di affetto, di desiderio di esprimere la forza benefica dell'incontro con Luisa e di dare voce alla sua testimonianza di vita. 

Pensando ripetutamente a Suor Luisa in questi giorni di deserto del cuore, reso meno arido dall'affetto e dal bene che continua a genere e a rigenerarsi nelle opere e nelle testimonianze profuse da tantissime persone qui ad Haiti e altrove, mi sono più volte venuti in mente due passaggi di una poesia di Mariangela Gualtieri, che mi sembrano sintetizzare in modo efficace l'essenza di Suor Luisa e il sentimento di gratitudine, persona e istituzionale, che nasce, pur nella fatica, e che credo di rappresentare a nome di tanti. 

Gratitudine testimoniata anche oggi dalla presenza di autorità religiose e civili, dalle rappresentanze associative, che trovo necessario ringraziare, così come tutte le persone che si sono prodigate in questi giorni, e che mi auguro proseguiranno successivamente nella memoria fattiva. 

Ci hai reso, anche ora e qui, comunità aperta e più coesa, pronta a collaborare. 

La poesia recita queste parole: "ringraziare desidero per tutti quelli che sono piccoli liberi e limpidi" e ancora, "ringraziare desidero per l’amore, che ci fa vedere gli altri come li vede la divinità". 

Suor Luisa non è piccola, ma si è fatta tale nella sua immensità e nella capacità di dono per essere vicina e prossima a tutti i piccoli che le si sono affidati al fine di renderli grandi, capaci, pensanti. 

Suor Luisa è limpida, tersa, cristallina. I suoi occhi e la sua anima e la sua opera sono un filo trasparente di coerenza tra fede, conoscenza, parole e azioni. 

Suor Luisa è libera perché ha esercitato la sua vocazione, la sua autodeterminazione di donna nel restare dov'era più necessaria e finalizzata alla sua presenza, dove il suo compimento umano e religioso poteva realizzarsi fino al sacrificio più estremo.

Suor Luisa incarna nella sua umanità lo sguardo Divino che sa cercare il bene, lo sa trovare, lo sa pazientemente costruire e tenacemente custodire. 

Suor Luisa è costruttrice silenziosa e potente di relazioni di cultura e di pace. 

Di fronte ai continui disequilibri politici della terra che lei amava, la distruzione del terremoto, la povertà che genera violenza, lei ha risposto costruendo con i suoi mattoni di cultura, conoscenza, relazione, amore gratuito e incessante, dedizione, sacrificio totale di sé, non solo nell'ultimo sacrificio, ma in ogni singolo istante di vita, in ogni minimo delicato respiro, in ogni sussurrante vibrazione del suo essere donna e piccola sorella.

La lucidità del suo dedicarsi, del suo scegliere di essere vicina ai più piccoli, a suo stesso rischio, traspare dallo sguardo: limpido, lo dico ancora perché è e tale resta. Lo sguardo di chi con umiltà e con forza non lascia trasparire la sua prova, perché animato da una forza altra: dallo spirito, dalla giustizia. Sono i lineamenti del volto scavato che fanno trasparire la fatica, ma non gi occhi, non la voce, non l'intenzione, non l'accoglienza benevola di tutti, non l'invito al perdono sempre. 

Luisa resta nostra, ma non ci appartiene, perché appartiene a un bene più grande e ricco. Perché è la concretizzazione del dono più nobile e gratuito. Diverse immagini di lei mi restano nel cuore come un sigillo, un'eredità, una memoria viva che siamo chiamati insieme a portare nel futuro: Luisa al pianoforte in casa sua e nella luce che filtra chiara alla finestra; Luisa che racconta di quanto accade nell'esperienza difficile e sempre sfidante della sua missione, nelle contraddizioni e dei pericoli, un'analisi lucida del paese lontano, che è diventato suo, che è casa sua, che è parte di lei. Difficoltà per noi narrate, quasi echi lontani, per lei vita vissuta sulla propria pelle. Luisa che si illumina nell'immaginare che ci possa essere un progetto di collaborazione per permettere qualche attività sportiva per i suoi ragazzi, che non hanno niente, ma che hanno lei come faro brillante. Luisa con i suoi ragazzi nella sua Haiti, resa eterna nelle tante foto con gli auguri e le riflessioni, i pezzi della storia, fusa in tutt'uno con la storia di Haiti, con la vita dedicata e che non mancava mai di inviare ai suoi cari, alle persone vicine, ai suoi lomagnesi e al territorio. Immagini di condivisione e di focalizzazione su quanto era possibile, pur nella complessità, operosamente fare. Luisa che cammina per le vie del nostro paese ed è testimonianza vivente di una vita spesa, consumata, ardentemente e profondamente profusa per il bene.

Casa Suor Luisa, cammini e camminerai ancora per Lomagna e resterai sempre nel cuore ferito, ma grato di chi ti ha incontrato e ti ha conosciuto. Cammini e camminerai nel mondo che hai vissuto con generosità fino al sacrificio più grande e con il cuore resterai ad Haiti, che hai tanto amato. Cammini e camminerai nell'abbraccio infinito di Dio, ma continui a illuminarci, a noi e alla tua gente di Haiti, uniti come popoli e come esseri umani in un legame invisibile ma reale, che tu hai generato con la tua stessa vita. 

Bisogna continuare la sua opera, non può essere un sacrificio umano, diceva tua sorella pochi minuti dalla notizia del suo assassinio. Fare memoria di te e del tuo insegnamento e adoperarci, per ciò che ci è possibile, per far proseguire la tua opera è ciò che ci chiederesti da fare. 

Ci lasci un bel tesoro e un bell'impegno e il tuo sigillo. Tu cara Luisa, per favore, resta faro, sempre più brillante. Resta opera più concreta di prossimità e avvicinamento, di riduzione delle distanze, di superamento delle distinzioni, di speranza e di fiducia, nella possibilità dell'evoluzione e di un miglioramento. Continua a insegnarci a costruire legami. Resta faro e continua in noi a essere piccolo, prezioso e tangibile mattone che costruisce nella fraternità".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie