Politica
Rabbia

Iva al terzo settore: Auser Lecco chiede il ritiro immediato dell'emendamento

“La politica invece di proteggere il volontariato, gli complica la vita"

Iva al terzo settore: Auser Lecco chiede il ritiro immediato dell'emendamento
Politica Meratese, 09 Dicembre 2021 ore 12:25

Claudio Dossi, presidente di Auser provinciale Lecco, si unisce ad Auser Lombardia nel chiedere l’immediato ritiro dell’emendamento inserito nella Legge di Bilancio 2022 - in sede di approvazione al Senato - che impone alle Associazioni del Terzo Settore di essere assoggettate al regime IVA, passando dall’attuale modalità di esclusione dell’IVA al regime di esenzione per i servizi prestati e i beni ceduti a favore dei propri associati.

Iva al terzo settore: Auser Lecco chiede il ritiro immediato dell'emendamento

Una misura che, se non verrà fermata, implicherà sulle spalle delle associazioni obblighi gravosi di natura contabile e burocratica per la tenuta dei bilanci, dei registri IVA, dell’incarico oneroso a professionisti per il corretto espletamento delle pratiche, insieme ad altri adempimenti costosi. Questo sarebbe contraddittorio con la Riforma del Terzo Settore, ormai arrivata alla fase di piena applicazione, che ha invece riconosciuto al volontariato un ruolo pubblico di utilità generale, ampiamente dimostrato dall’enorme impegno da associazioni come Auser durante la pandemia, tra accompagnamenti negli ospedali e nei centri vaccinali, le prenotazioni degli appuntamenti negli hub, la consegna di farmaci e della spesa.

auser
Claudio Dossi

“La politica invece di proteggere il volontariato, gli complica la vita"

“La politica invece di proteggere il volontariato, gli complica la vita – il commento amaro di Dossi - si ritiri immediatamente questo l’emendamento, che complicherebbe ulteriormente la vita delle associazioni. Durante la pandemia non ci siamo mai fermati, e il nostro impegno sta proseguendo anche ora, con un importante contributo alla buona riuscita della campagna vaccinale. La nostra azione di prossimità è quotidiana: aiutiamo ogni anno migliaia di persone fragili e sole. Per questo ci aspettiamo che ciò che facciamo venga riconosciuto e non punito. La politica cancelli subito l’emendamento inserito nella legge di bilancio, un gesto dovuto per un settore che ha dato e sta dando tantissimo, gratuitamente, per la collettività”.

Necrologie