Elezioni Lecco 2020

Gattinoni al ballottaggio: “Alleanze? parleremo agli elettori di Corrado, non a Corrado” FOTO

Il candidato del Centrosinistra esultante: "Abbiamo colto l'anima vera dei Lecchesi, abbiamo dato loro la speranza di un progetto autentico"

Gattinoni al ballottaggio: “Alleanze? parleremo agli elettori di Corrado, non a Corrado” FOTO
Lecco e dintorni, 22 Settembre 2020 ore 18:31
Mauro Gattinoni al ballottaggio con Peppino Ciresa. Ma ventiquattro ore prima la fiducia che ciò potesse davvero accadere aveva vacillato. Eh già.

Gattinoni al ballottaggio: “E’ vero”

“E’ tutto vero”. Dopo la batosta dell’exit poll  della Rai e “una notte da Innominato dei Promessi Sposi”, Mauro Gattinoni alle 15 di questo pomeriggio è “risorto” in campo. Galvanizzato dal 41,5% (questa la percentuale attorno a quell’ora, quando mancava un pugno di seggi a completare lo scrutinio), ovvero dalla certezza che l’antagonista – Pepino Ciresa – non aveva ormai più margini per vincere al primo turno.

Exit poll “sproporzionato” e smentito

Gattinoni arriva alla sede del suo comitato elettorale in via Dante Alighieri alle 15.10. E’ l’ora fissata per l’intervista in diretta su Rai 1. La notizia è che i numeri scrutinati dicono senza dubbio che ci sarà il ballottaggio. Il che sovverte clamorosamente l’exit poll  con cui la stessa rete televisiva, ieri, lunedì 20 settembre,  aveva dato per “chiusa” la partita. Oggi il candidato sindaco del Centrosinistra attraversa la strada quasi volando. Da sotto la mascherina spunta un sorriso da un orecchio all’altro. Applausi, toccate di gomito. Ci scappa pure un commosso abbraccio con il giovanissimo addetto stampa. Scatta l’entusiasmo dello scigalott:  “E’ tutto vero, è tutto vero. Forza ragazzi, abbiamo davanti solo due settimane. La portiamo a casa”.  Già, incredibile ma vero, la lunga maratona non si è conclusa oggi. Il traguardo si è allontanato di un ulteriore ultimo miglio,  insperato. L’appuntamento è al prossimo 4-5 ottobre.

“Abbiamo colto la vera anima di Lecco”

“All’exit poll di ieri (che dava Ciresa sostanzialmente vincente al primo turno dentro una forbice tra il 49 e il 53%) non potevamo crederci. Troppo sproporzionato rispetto alla bontà del lavoro che sappiamo di aver fatto in tutti questi mesi” commenta Gattinoni. Pure ieri pomeriggio per distogliere il pensiero era “fuggito” a Monza, con la moglie Paola. “Abbiamo fatto due passi e ci siamo presi una cioccolata” racconta. La notte è stata pessima, però. Ci sono voluti i risultati di metà delle 43 sezioni di voto della città, per ritrovare la speranza. “Alla fine abbiamo raccolto quanto abbiamo seminato nel corso di questa campagna lunga e accidentata dal Covid. Abbiamo colto la vera anima di questa città, abbiamo sovvertito i pronostici. Oggi, non lo neghiamo, ci sono stati alti e bassi durante lo scrutinio. Ma i numeri finali sono questi ed è un risultato oggettivo. oggi si parte dallo zero a zero. Palla al centro. Tutto è possibile. Ora i cittadini hanno la possibilità di scegliere il sindaco migliore per Lecco, con tutta la serenità e la ponderazione che serve”.

“La partita adesso è tra me e Ciresa”

La legge spietata del secondo turno toglie infatti di mezzo le liste e i partiti. A giocarsi la finalissima saranno i due candidati sindaci al ballottaggio: Mauro Gattinoni e Peppino Ciresa. “Si riparte zero a zero palla al centro. Il nostro dialogo con la città sarà ancora più intenso. Da domattina si torna a lavorare pancia a terra senza perdere un minuto. Torneremo in strada, al mercato, nei rioni. Abbiamo ulteriori dieci giorni di calendario per spiegare ai cittadini perché è giusto scegliere Mauro Gattinoni come sindaco. Abbiamo le motivazioni, le energie, il ritmo giusto per riuscirci. Il futuro di Lecco al quale guardiamo è davanti a noi. Non è quello che si riflette nello specchietto retrovisore di qualcun altro”.

Partiti ridimensionati: “Non il Pd”

Il peso dei partiti (quelli di centrodestra) sembra essere uscito ridimensionato dalle urne. “Non il Pd”, al quale Gattinoni rende omaggio: “Si è fatto un gioco di squadra importante. Sono orgoglioso del Pd lecchese che è il nostro  azionista di maggioranza. Dimostrando intelligenza strategica, ha saputo allargarsi ad una grande coalizione. I lecchesi hanno saputo coglierne tutte le anime autentiche”. Fattore Lecco, la lista del sindaco, ha riscosso un grande successo: seconda solo al Pd. “Insieme ad Ambientalmente era la vera novità di queste elezioni. Sono contento di questa affermazione”. Che peraltro conferma da un lato la “bontà” della scelta del candidato sindaco e dall’altro fortifica la coesione dell’alleanza.

Accordi con Appello?

Ma la domanda che tutti inevitabilmente pongono a questo punto è una sola: “Accordi e apparentamenti con Appello e M5S ne farete adesso?”. La risposta è di quelle che lasciano adito alle iniziative. “Sono convinto che per chi al primo turno ha votato un candidato diverso da me, adesso sia più semplice riconoscersi nella nostra proposta. Andremo ad incontrarli e credo saranno contenti di sposare la nostra causa”. Doverosa la precisazione: “Non sto parlando di Corrado, ma dei suoi elettori”.
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia