Lettere al giornale

Lago di Sartirana, è mancato il dottore al capezzale del malato

Di Comitato Civico Ambiente - Merate.

Lago di Sartirana, è mancato il dottore al capezzale del malato
Meratese, 05 Agosto 2020 ore 20:03

Un danno ambientale incalcolabile si è consumato in questi giorni nella Riserva di Sartirana. Il lago, che in questi ultimi 10 anni ha ricevuto disattenzione e sottostima dei suoi fragili equilibri da parte di chi avrebbe dovuto prendersene cura, ha restituito ciò che ha avuto sotto gli occhi di tutti i meratesi che guardano increduli le migliaia di pesci morti. Che il lago fosse malato lo andavano ripetendo in tanti. E’ mancato il medico in grado di guarirlo.
Per spiegare meglio le responsabilità e chi doveva fare cosa, facciamo un passo indietro.
Nel 1983 la Regione Lombardia istituì la Riserva Naturale lago di Sartirana e demandò al Comune di Merate la gestione dell’area al fine di salvaguardare la funzionalità ecologica, naturale della sua biodiversità. Poi nel 1990 la Regione pose gli obiettivi della tutela delle caratteristiche naturali e paesaggistiche determinando per esempio i tempi per la cessazione di attività esistenti incompatibili con la riserva, oppure la regolamentazione delle attività consentite come quella dell’agricola, di pesca e di accesso. E’ qui che si vanno a posizionare quei divieti come l’accesso dei cani, delle bici, del camping che tutt’oggi fanno parte del regolamento. Inoltre stabilì i principali interventi strategici di manutenzione quali la pulizia delle sponde e dei terreni, lo sfalcio del canneto e il monitoraggio dei sedimenti presenti sul fondo del lago. Nel 1998 il Comune definì gli strumenti con i quali gestire la Riserva (Consiglio di Gestione, Comitato Tecnico Scientifico, Direttore della Riserva). Un ulteriore passaggio fondamentale avvenne nel 2003, quando l’Unione Europea stabilì i principi generali della conservazione degli habitat naturali individuando i Siti di interesse Comunitario (SIC) e la Regione vi inserì la nostra Riserva. Si è trattato di un grande riconoscimento per il nostro territorio sia in termini di immagine che di potenziale turistico/economico. Dunque non spetta al Comune decidere cos’è la Riserva di Sartirana poiché l’Europa e la Regione hanno già inserito la nostra “perla” in un circuito di aree di prestigio paesaggistico e ambientale. Spetta dal 1983 al Comune prendersene cura attraverso regolamentazioni già scritte che vanno soltanto applicate. E qui arriviamo alla nota dolente. Le Amministrazioni che si sono succedute le hanno troppo spesso disattese. Eppure in questi anni si sono alzate voci che hanno portando avanti il sacrosanto principio di “prevenzione” consci che la calamità sarebbe arrivata. Perché non si è ripristinato l’uso della centralina, un tempo in funzione, che monitorava proprio i livelli di salute delle acque? Perché è stata distrutta tutta la flora acquatica naturale che aveva lo scopo di equilibrare il fondo del lago? Perché la paratia all’entrata non viene usata nel momento in cui cominciano a crescere le alghe?
Il disastro ambientale poteva e doveva essere evitato. Un disastro che non ha eguali nella nostra storia. Sono mancati il medico e soprattutto la medicina. Ora non facciamo rimanere il morto in custodia ai soliti incompetenti.
Comitato Civico Ambiente – Merate

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia