Salumificio di Casatenovo

Vismara, quale futuro? Sindacati preoccupati per i lavoratori

A differenza del piano di rilancio di Ferrarini, l'offerta della cordata Gsi Bonterre non prevede la continuità del sito produttivo e dei relativi dipendenti

Vismara, quale futuro? Sindacati preoccupati per i lavoratori
Casatese, 08 Ottobre 2020 ore 17:43

“Sono ormai passati due anni da quando è stata presentata la prima richiesta di concordato e sin dall’inizio abbiamo sempre sostenuto che la nostra priorità e la nostra attenzione sarebbero state rivolte principalmente al mantenimento dell’attuale occupazione e alle garanzie di prospettive industriali per lo stabilimento di Casatenovo “. Le Segreterie Territoriali di FAI CISL FLAI CGIL UILA UIL rinnovano la loro preoccupazione a fronte della situazione che si è venuta a creare relativamente alla procedura concorsuale aperta sul salumificio casatese.

Vismara legata a doppio filo a Ferrarini

“Ad oggi l’ unico piano concorsuale relativo a Vismara, depositato presso il Tribunale di Reggio Emilia, è quello presentato da Ferrarini che prevede la continuità del sito produttivo e dei relativi dipendenti” sottolineano i Sindacati. “Attualmente la Vismara deve gran parte del proprio fatturato al lavoro che il gruppo Ferrarini, anch’esso in concordato, affida all’azienda di Casatenovo. In questo quadro è evidente l’interconnessione tra le due aziende Vismara e Ferrarini e di conseguenza dei rispettivi piani concordatari depositati, che prevedono il prosieguo delle attività produttive e dei relativi livelli occupazionali”.

L’offerta Gsi Bonterre non prevede continuità produttiva

Si guarda con apprensione all’altro piano concordatario, quello dalla cordata facente capo a GSI – Bonterre: “Nulla prevede in ordine alla continuità produttiva di Vismara, mettendo a rischio la sopravvivenza dell’azienda. Ciò porterebbe alla chiusura dello stabilimento di Casatenovo che attualmente occupa circa 160 persone e che non potrebbe continuare nella sua attività senza il fatturato fornito dalla Ferrarini” avvisano i Sindacati.

Sindacati: “Sostegno al piano Ferrarini”

Le organizzazioni sindacali ribadiscono dunque “la necessità che vengano ricercati e sostenuti percorsi concorsuali in grado di valorizzare la situazione in essere, preservando in prima battuta le professionalità attuali e i relativi livelli occupazionali e in secondo luogo di gettare le basi per un progetto che possa garantire uno sviluppo industriale”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia