Menu
Cerca
Economia

Settore grafica e tipografia: Confartigianato “Servono misure urgenti, tipografie e grafici al collasso”

Iva agevolata, con aliquota del 5% o del 10%, per la stampa su carta o cartone riciclati, credito di imposta di almeno il 50% per depliant, volantini, manifesti . Sono queste le principali proposte di Confartigianato

Settore grafica e tipografia: Confartigianato “Servono misure urgenti, tipografie e grafici al collasso”
Economia Lecco e dintorni, 11 Maggio 2021 ore 16:59

Iva agevolata, con aliquota del 5% o del 10%, per la stampa su carta o cartone riciclati, credito di imposta di almeno il 50% per depliant, volantini, manifesti . Sono queste le principali proposte di Confartigianato al Governo per dare una boccata d’ossigeno al settore tipografico e grafico messi in ginocchio dal Covid 19. “Le attività del settore tipografico e grafico applicato alla tipografia – spiega Davide Riva, presidente della categoria Grafici e fotografi di Confartigianato Imprese Lecco  – sono state pesantemente investite dalla crisi Covid-19. A seguito delle restrizioni alla mobilità e all’aggregazione per combattere l’epidemia , si sono drasticamente ridotti eventi pubblici, convegni, congressi, fiere e meeting aziendali, con conseguente pesante flessione nel settore della pubblicità che interessa la produzione di volantini, depliant, cataloghi e relativa progettazione grafica, il cui fatturato è diminuito nel 2020 del 15,7%. La riduzione è poi stata accentuata dal crollo del turismo, sia per vacanza che per lavoro, che ha fortemente impattato su tutto l’indotto.”

Settore grafica e tipografia: Confartigianato “Servono misure urgenti, tipografie e grafici al collasso”

Una serie di concause che hanno prodotto cali di fatturato particolarmente pesanti per tutto il comparto.

“La ricognizione condotta ad inizio 2021 da Confartigianato sulle micro e piccole imprese – conferma Riva – mette in evidenza che le imprese della comunicazione, che si occupano di grafica e tipografia, registrano per il fatturato del 2020 un taglio di un terzo (-33,7%) rispetto all’anno precedente, una riduzione di oltre otto punti superiore a quella registrata dalla media delle micro e piccole imprese (-25,5%). Sono cifre che dicono quanto drammatica sia la situazione in questo settore. “

Il rischio concreto di chiudere per molte di queste imprese è dietro l’angolo.

“Con dati come questi  – prosegue Davide Riva – si rendono assolutamente necessarie alcune misure di urgenza per tamponare una situazione già molto complicata che rischia di provocare la chiusura di molte aziende del settore e che a sua volta creerebbe problemi di emergenza sociale causati dalla perdita dell’impiego di numerosi dipendenti spesso difficilmente ricollocabili nel mondo del lavoro.”

Ed ecco pertanto le proposte elaborate da Confartigianato Comunicazione per offrire almeno un po’ di ossigeno al comparto.

“Una prima risposta a questo problema sarebbe prevedere per le aziende il credito d’imposta di almeno il 50% sulla pubblicità formulando un emendamento alla attuale disposizione (articolo 57-bis, DL 50/2017) per includervi anche la pubblicità realizzata tramite depliant, brochure, volantini, manifesti ecc. (che sempre più spesso sono realizzati in forma immateriale) visto che la norma ad oggi prevede il credito solo per un incremento della pubblicità sulla stampa quotidiana e periodica, anche online, e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali. A questa misura si potrebbe aggiungere un’aliquota IVA agevolata per la stampa su supporti riciclati o riciclabili. La transizione ecologica è uno dei main topics , non solo in Italia, ma a livello mondiale, ma è necessario garantire reali vantaggi alle imprese di trasformazione di questi materiali che si traducano poi in vantaggi per i consumatori finali che ne incentivino l’acquisto e quindi l’instaurarsi di un circolo virtuoso. Spesso i consumatori sono scoraggiati ad acquistare articoli realizzati con materiali derivati da cellulosa riciclata o riciclabile a causa di prezzi di acquisto poco convenienti rispetto ad altri articoli.”

Ecco quindi che se le aziende trasformatrici potessero adottare un’aliquota IVA ridotta, al 5% o al 10%, per la stampa di altri prodotti diversi da giornali, libri, etc. effettuata su supporto cartaceo riciclato, questa si tradurrebbe in prezzi più concorrenziali dei prodotti eco- compatibili da parte dei consumatori.

“In questo modo – conclude Riva – si potrebbe innescare un circuito virtuoso volto a rimettere in moto i consumi di questi materiali e ridare ossigeno ad un settore che ne ha davvero bisogno. Questo anche a fronte di una grave crisi nel reperimento della materia prima, soprattutto dall’estero, e una tendenza al rialzo dei prezzi della carta che si protrae da troppo tempo e che purtroppo sembra destinata a durare almeno fin dopo l’estate”.

Necrologie