Sponsorizzato

Patrimoniale 2020 contro il Covid-19: come difendere i propri risparmi dalla nuova patrimoniale di Conte

Come difendersi dalla revisione della tassa patrimoniale per il corona virus che colpirà i conti correnti di tutte le famiglie? Lo spiega l’esperto Dott. Commercialista Dal Mas Maurizio.

Patrimoniale 2020 contro il Covid-19: come difendere i propri risparmi dalla nuova patrimoniale di Conte
Meratese, 03 Giugno 2020 ore 17:09

Patrimoniale 2020 cos’è? Come difendersi? Questa probabile nuova tassa è la più grande preoccupazione fiscale che oggi affligge molte famiglie italiane. Eppure bastano pochi accorgimenti per comprendere quali tutele attivare per difendersi da questo provvedimento, prima che sia troppo tardi.

Coronavirus: la patrimoniale è sempre più vicina!

Sempre più spesso se ne parla, a bassa voce, eppure tutti ne sono consapevoli. L’attuale Governo di Conte sta valutando di colpire i risparmi degli italiani per far fronte alle esigenze di cassa dovute al Corona virus che affliggono la nostra finanza pubblica. L’imposta patrimoniale non è altro che una tassa “istantanea” che colpisce in modo proporzionale il capitale, i beni mobili e immobili del cittadino, ad una certa data. Il reddito non conta: vale solo il valore della ricchezza posseduta da ciascun individuo. Una soluzione drastica, che oggi in tanti annunciano non più come possibile ma ormai come probabile e che ha riproposto il quesito di sempre: patrimoniale,come sarà e come difendersi?

Come sarà la nuova patrimoniale del corona virus? A quale percentuale ammonterà l’aliquota?

Lo abbiamo chiesto al Dott. Maurizio Dal Mas, commercialista di Merate, partner degli Studi Professionali Associati (www.studipa.com), esperto in materia e specializzato in passaggi generazionali. “La risposta è semplice ed è davanti agli occhi di tutti – ha spiegato – “La nuova patrimoniale 2020 sarà la tassa più cinica mai presentata sulla faccia della terra; non avrà alcuna scadenza predeterminata da rispettare ma nessuno di noi potrà scappare alla sua imposizione: aumenteranno drasticamente le imposte di donazione e successione e colpiranno così i nostri risparmi di una vita”. Non sappiamo a quanto ammonterà in percentuale l’aliquota della nuova patrimoniale 2020 ma possiamo essere certi che sarà superiore al 6‰ della vecchia patrimoniale di Amato. Dobbiamo però rammentare che, ora come ora, lo Stato Italiano rappresenta una sorta di “paradiso fiscale” per quanto riguarda l’imposta di donazione e successione: coniuge e parenti in linea retta godono di una franchigia fino a 1 milione di euro e pagano solo il 4% per i patrimoni eccedenti; mentre se si dona ad un soggetto, terzo non parente, l’aliquota è dell’8%. Sarà facile per il Governo ridurre le franchigie a valori insignificanti ed aumentare le aliquote (in altri stati europei arriva sino al 45%)

Come difendersi dalla nuova tassa patrimoniale del2020?

Come possiamo difendere i nostri risparmi?  Semplice “ora come ora le soluzioni ci sono, occorre pensare e programmare il futuro costruendo un abito fatto su misura per ogni differente realtà in relazione alle specifiche esigenze familiari”. La soluzione risiede quindi nella pianificazione, in vita, della trasmissione del proprio patrimonio familiare. “Occorre affidarsi ad un team di consulenti che abbia competenze sia legali, che societarie/fiscali” – ha precisato il Dott. Maurizio Dal Mas -. “L’invito che faccio a tutti, quindi, è quello di sollecitare i propri professionisti su queste problematiche ed affrontare la tematica prima che cambino le norme in materia”. Questo a prescindere dall’entità del proprio patrimonio? “Certo! Il proprio patrimonio personale potrà anche sembrare piccolo se paragonato a quello delle famose dinastie familiari italiane, ma diventa grande e merita il massimo rispetto, quando chiudiamo l’uscio e rimaniamo in casa con la nostra famiglia… ed a maggior ragione, proprio perché limitato, sarebbe un vero e proprio peccato perderne una fetta importante …”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia