Cultura
Eccellenze lecchesi

I cugini lecchesi Zanesi portano il futuro in Brianza con Progetto Artress

Il concept è l’arte digitale indossabile. Opere non solo da esporre, ma da indossare

I cugini lecchesi Zanesi portano il futuro in Brianza con Progetto Artress
Cultura Lecco e dintorni, 07 Ottobre 2021 ore 10:51

La stessa passione, la stessa vena creativa, lo stesso dna: i cugini lecchesi Giulia e Davide Zanesi sbarcano in Brianza. Verrà infatti tagliato domani, venerdì 8 ottobre 2021, a Villasanta in Via Carducci 2 , il nastro di Progetto Artress, una esposizione innovativa e suggestiva che racchiude una visione dell'arte 2.0.

I cugini lecchesi Zanesi portano il futuro in Brianza con Progetto Artress

Giulia Zanesi, curatrice d’arte e Davide Zanesi, imprenditore/inventore, fondatore di ME innovation entrambi residenti a Lecco hanno fatto squadra, è proprio il caso di dirlo, dando vita a una iniziativa davvero unica nel suo genere. Il concept è l’arte digitale indossabile. Opere non solo da esporre, ma da indossare. A tale idea si unisce una innovativa tecnologia NFC attraverso la quale mediante un chip tessile, brevettato da Davide Zanesi, è possibile conservare e certificare opere digitali esclusive realizzate a loro volta dagli artisti. Tale Chip tessile è realizzato attraverso tessuti conduttivi innovativi, ed è in grado di conservare informazioni direttamente al suo interno. E’ passivo e dunque non necessita di batterie per funzionare ed è stato certificato a lavaggi, stirature e stress meccanici.

Giulia Zanesi
Giulia Zanesi

L’arte digitale con la tecnologia NFT si sta sviluppando sempre di più nel campo dell’arte Secondo Davide e Giulia, la tecnologia NFC diventa la chiave per accedere non solamente al contenuto digitale, ma alla proprietà stessa dell’opera, potenziandone così il valore. L’innovazione consiste nella conservazione criptata dell’opera digitale all’interno del chip tessile. Chi avrà la fortuna di poter avere un capo di abbigliamento Artress, avrà anche l’accesso univoco verso l’opera digitale. Il progetto si concretizza in una capsule di abbigliamento da collezionare a numero limitatissimo di repliche. Attraverso una speciale etichetta intelligente, ogni persona con uno smartphone, potrà accedere all’opera digitale e goderne del contenuto.

Il "manifesto" dell'iniziativa

La magia di indossare un’opera d’arte, magia che unisce stile, eleganza, passione, moda in un unico prodotto. Magia di scoprire una nuova opera digitale conservata tra le trame di un tessuto per un’esperienza unica nel suo genere L’eccellenza italiana in una collezione esclusiva a tiratura e ad acquisto limitato.

Davide Zanesi
Davide Zanesi

Il visual artist Mark Cooper

Primo artista a partecipare all’iniziativa è Mark Cooper, visual artist nato a Carlisle; vive per diversi anni a Londra prima di stabilirsi in Italia in provincia di Alessandra dove vive e lavora dal 1993. “Alfiere del paesaggio” titolo ottenuto per la straordinaria opera di divulgazione svolta in Italia e all’estero con le sue mostre realizzate sul patrimonio paesaggistico e sui paesaggi viticoli del Piemonte, permettendo la loro iscrizione alla lista del patrimonio mondiale UNESCO. Le sue opere sono il frutto dell’interpretazione del mondo che ci circonda ed incentrate sul recupero di oggetti e materiali di riciclo, fotografati e trasformati in opere astratte.

Mark Cooper
Mark Cooper

Per aumentarne il prestigio e l’esclusività, i prodotti Artress saranno acquistabili esclusivamente durante l’apertura della campagna di vendita direttamente sul sito artress.it. La campagna sarà aperta Venerdì 08 ottobre 2021 e al termine del periodo o al termine delle repliche previste, non sarà più possibile acquistare i prodotti di questa collezione

Necrologie