Cronaca
Guerra in ucraina

Stasera a Lecco veglia di preghiera per la pace. Cabina di regia per accogliere i profughi ucraini

Le comunità cattolica unita a quella ortodossa in basilica. Dopo il vertice in Prefettura prime direttive ai Sindaci per l'accoglienza

Stasera a Lecco veglia di preghiera per la pace. Cabina di regia per accogliere i profughi ucraini
Cronaca Lecco e dintorni, 02 Marzo 2022 ore 07:44

Questa sera, mercoledì 2 Marzo 2022 alle ore 21, Basilica di San Nicoló a Lecco si tiene una veglia di preghiera per la pace insieme alla comunità ortodossa.

LEGGI ANCHE Guerra in Ucraina, ecco dove si possono portare viveri e farmaci

Guerra in Ucraina: stasera a Lecco veglia di preghiera per la pace

“Vorrei appellarmi a tutti, credenti e non credenti. Gesù ci ha insegnato che all'insensatezza diabolica della violenza si risponde con le armi di Dio, con la preghiera e il digiuno. Invito tutti a fare del prossimo 2 marzo, mercoledì delle ceneri, una Giornata di digiuno per la pace. Incoraggio in modo speciale i credenti perchè in quel giorno si dedichino intensamente alla preghiera e al digiuno.
La Regina della pace preservi il mondo dalla follia della guerra” (Dall’appello di Papa Francesco)

Per la giornata del 2 marzo viene proposto il digiuno. Durante la celebrazione verranno raccolte offerte da inviare a Caritas ambrosiana per sostenere le vittime del conflitto.

Per  per sostenere la raccolta fondi di Caritas Ambrosiana si può donare:

  • con carta di credito online www.caritasambrosiana.it
  • in Posta C.C.P. n. 000013576228 intestato Caritas Ambrosiana Onlus – Via S. Bernardino 4 – 20122 Milano
  • con bonifico C/C presso il Banco BPM Milano, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN:IT82Q0503401647000000064700
    Causale: Conflitto in Ucraina.
    Le offerte sono detraibili fiscalmente

Intanto il territorio si prepara per accogliere i profughi

Intanto il territorio si prepara per accogliere i profughi. E' stata infatti istituita  in Prefettura una Cabina di regia per l'accoglienza dei profughi ucraini.

"Nell'ambito del Consiglio territoriale per l'Immigrazione convocato d'urgenza in composizione ristretta con la Questura, i Sindaci degli Ambiti, il Distretto, Ats abbiamo fatto il punto della situazione e avviata una ricognizione delle strutture di accoglienza e dei fabbisogni - spiega il prefetto Castrese de Rosa  -  Domani, come concordato, prime direttive ai Sindaci e invito ai profughi già arrivati o che arriveranno a presentare la dichiarazione di ospitalità in Questura, in attesa delle indicazioni ministeriali sulle modalità di accoglienza dopo il d.l. approvato nell'ultimo Consiglio dei Ministri".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie