Lettera aperta

Sparatoria di Olginate, il sindaco: “Dobbiamo essere una comunità che si ritrova non solo per condannare”

"Come amministrazione abbiamo chiesto immediatamente, con ancora più forza un maggior presidio e controllo del territorio da parte delle forze dell’ordine al fine di garantire sicurezza e tranquillità alla nostra comunità, ma soprattutto per evitare che il grave accaduto possa distruggere un tessuto sociale solido"

Sparatoria di Olginate, il sindaco: “Dobbiamo essere una comunità che si ritrova non solo per condannare”
Lecco e dintorni, 16 Settembre 2020 ore 12:16
“I fatti di domenica ci hanno toccato molto: è stata inferta con inaudita violenza una ferita alla comunità tutta. Un atto abnorme che lascia sgomenti e impone una condanna collettiva.
Il nostro primo pensiero è il cordoglio per la famiglia della vittima, cui rivolgiamo le nostre più sentite condoglianze per l’accaduto”  A tre giorni di distanza dalla sparatoria di Olginate, in cui ha perso la vita Salvatore de Fazio, 47 anni ed è rimasto ferito il fratello Alfredo De Fazio, il sindaco di Olginate Marco Passoni ha voluto scrivere una lettera aperta a tutti gli olginatesi e non solo.
LEGGI ANCHE Sparatoria di Olginate: oggi l’autopsia sul corpo di Salvatore De Fazio

Sparatoria di Olginate, il sindaco scrive alla comunità

“Come amministrazione abbiamo chiesto immediatamente, con ancora più forza un maggior presidio e controllo del territorio da parte delle forze dell’ordine al fine di garantire sicurezza e tranquillità alla nostra comunità, ma soprattutto per evitare che il grave accaduto possa distruggere un tessuto sociale solido, una comunità sicura, un paese impegnato, presente e ricco di valori – sottolinea Passoni mentre proseguono incessantemente le indagini per rintracciare Stefano Valsecchi, 53 anni, con casa a Calolzio, principale sospettato dell’omicidio –  Vogliamo assicurare che tutti i soggetti e le risorse dell’amministrazione sono in questo momento dedicate alla collaborazione con le forze dell’ordine per fare chiarezza sulla triste vicenda e per rendere giustizia”.

Il ruolo della scuola e del mondo associativo

Questo episodio rappresenta la necessità di continuare, con ancora maggiore impegno, sulla strada già ben tracciata in questi anni dell’educazione ai diritti, al riconoscimento e al rispetto dell’altro, alla legalità.

In questo senso, la scuola, il mondo associativo, ma non solo, rimangono i centri privilegiati in cui si creano interazioni e integrazione, si incrociano i vissuti non solo dei figli, ma anche dei genitori e delle famiglie, si trasmettono quei valori di comunità grazie ai quali a volte si riescono a imboccare sentieri non battuti.
Un’esperienza straordinaria, quella della costruzione di relazioni, che germoglia nell’istituzione scolastica e cresce nel paese come collettivo di riferimento, coinvolgendoci tutti e rendendo ciascuno responsabile dei propri concittadini.

“Non solo condannare”

Sia questa la nostra prima reazione ai fatti di ieri: una comunità che si ritrova senza paure per dimostrare cosa è buono e giusto, non solo per condannare. Se ci riusciremo, avremo già vinto.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia