Cronaca
Incredibile violenza in bergamasca

Sequestra, incappuccia e pesta a sangue l'amante della moglie, poi lo abbandona in strada

La vittima è un 32enne che distribuisce volantini. Prima della spedizione punitiva era stato anche minacciato.

Cronaca 05 Dicembre 2021 ore 09:51

Sequestra, incappuccia e pesta a sangue l'amante della moglie, poi lo abbandona in strada.

Aveva avuto una relazione clandestina con la moglie di un altro uomo. Per questo, il marito tradito e altri due compari l'hanno aggredito, rapito, legato, incappucciato, caricato su un furgone, pestato a sangue e poi abbandonato su una strada di Isso, in Bergamasca, agonizzante. Come riportano i colleghi di primatreviglio.it  successo una decina di giorni fa, il 25 novembre, ma questa mattina - domenica 5 dicembre - i carabinieri di Treviglio sono venuti a capo del giallo e hanno arrestato i tre responsabili. Si tratta di tre uomini indiani, residenti nel Bresciano  e nel Veronese.

Sequestra, incappuccia e pesta a sangue l'amante della moglie, poi lo abbandona in strada

L'operazione è scattata alle prime luci dell'alba di oggi su ordine del GIP presso il Tribunale di Milano  Lidia Castellucci e su richiesta della Procura della Repubblica del capoluogo lombardo (ha seguito le indagini il pm Antonio Cristillo).

La vittima  è G.S. di 32 anni, residente a Brescia, indiano. Era stato trovato a bordo strada nel piccolo Comune della Bassa. Dopo i soccorsi,  è emersa la tremenda verità su quanto gli era accaduto. Era andato a lavorare, come ogni giorno, a Cassina de' Pecchi, dove fa il fattorino e distribuisce volantini pubblicitari. Qui è stato sequestrato da tre connazionali, che l'hanno colta alle spalle e fatto a salire a bordo di un furgone Iveco, l’avrebbero legato, incappucciato e malmenato ripetutamente con calci e pugni, fino a fargli perdere i sensi.

Poi è stato scaricato ancora incosciente su di una piazzola di sosta della Strada Provinciale n. 11, all'altezza di  Isso. Nel frattempo, gli avevano anche rubato i pochi soldi che aveva addosso.

Una spedizione "punitiva"

Non c'è voluto molto per arrivare ai responsabili e al movente: l'uomo era stato punito poiché avrebbe intrattenuto una relazione clandestina con la moglie di uno dei tre componenti della banda. Alla fine sono finiti in manette il  38enne S.S, il  35enne H.S., finiti in carcere,  e il 41enne K.S. (è ora ai domiciliari). Sono tutti residenti tra Brescia e Verona. Prima dell'incredibile e violentissimo fatto, il giovane era stato minacciato pesantemente. Mentre "indagavano" sull'amante, i tre si erano recati all’abitazione di un parente del sequestrato e qui l'avevano sorpreso e minacciato, per fargli confessare la relazione clandestina. Qualche settimana più tardi, è scattata questa violentissima  spedizione punitiva. Due  degli arrestati sono stati sorpresa stamani dai carabinieri a Brescia ed uno a Monteforte D’Alpone, in provincia di Verona.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie