Solza

La Polizia locale finisce… sotto attacco sui social

Un acceso confronto a colpi di post

La Polizia locale finisce… sotto attacco sui social
Isola, 14 Agosto 2020 ore 17:58

Sui gruppi social di Solza sono comparsi diversi post con attacchi e insinuazioni rivolti alla Polizia locale. Gli agenti sono stati accusati di multare per permettere al Comune di fare cassa o addirittura di sanzionare ingiustamente i cittadini. Parole pesanti che non sono di certo passate inosservate.

LEGGI ANCHE: Aveva un arsenale in camera d’albergo: denunciato lecchese

La risposta di Carla Rocca, sindaca di Solza

La risposta della sindaca non si è fatta attendere e oggi, con un lungo post sulla pagina Facebook del Comune ha voluto rispondere agli attacchi subiti. “Cari solzesi, si è aperto un lungo dibattito sui social in merito all’attività della Polizia locale. Se un limite è stato superato, è stato quello di alcuni dei commenti. Vi ricordo che l’Amministrazione e gli uffici rimangono sempre a disposizione di ogni cittadino per raccogliere suggerimenti e anche contestazioni.
I cittadini sono liberi di esprimere critiche, ma prima di farle è loro dovere informarsi, rivolgendosi al sindaco o a chi di dovere e dai quali riceveranno sempre delle risposte. Vi invito inoltre a non dimenticare che anche sui social network l’insulto e la diffamazione costituiscono un reato. Fatta questa premessa, ritengo doveroso darvi alcune precisazioni per spiegarvi nel dettaglio le attività messe in campo per la sicurezza stradale nel nostro paese. E’ un post inevitabilmente lungo: la solita brevità della comunicazione sui social non riuscirebbe ad andare sufficientemente in profondità. Anche per questo vi suggerisco di sfruttare maggiormente i canali di comunicazione diretta con gli uffici e con noi amministratori soprattutto per affrontare i casi specifici e personali”. Rocca ha poi analizzato le lamentele dei cittadini partendo dall’autovelox sulla Rivierasca, gli agenti sono stati accusati di essersi nascosti per poter dare multe con più facilità. “I controlli della velocità sulla Rivierasca sono fatti per la sicurezza di voi cittadini: di chi deve attraversare, di chi va in bicicletta, di chi si deve immettere. Abbiamo registrato, nonostante la presenza degli agenti, comportamenti particolarmente pericolosi come sorpassi azzardati a velocità sostenute. Ai cittadini che hanno chiesto di “ritoccare” il limite di velocità sulla strada, facciamo presente che la Rivierasca risulta di competenza della Provincia di Bergamo: il Comune non può pertanto disporre modifiche al limite di velocità. In passato abbiamo chiesto alla Provincia di valutare se vi fossero i requisiti per una revisione al rialzo del limite ma non abbiamo avuto riscontri in merito. Il limite di velocità sulla Rivierasca è dunque di 50 chilometri all’ora, gli agenti di Polizia locale sono tenuti a contestare le infrazioni a tutti coloro che lo superano, come previsto dal codice della strada. Nell’applicazione della legge non può esserci alcuna discrezionalità da parte degli agenti che hanno sempre rispettato anche gli obblighi di visibilità, posizionandosi con l’auto e l’apparecchiatura su treppiede a bordo strada e esponendo l’apposito cartello di preavviso”.

La risposta alle accuse di voler “fare cassa”

Una delle accuse che più ha irritato Rocca è stata quella di voler guadagnare sulla pelle dei cittadini, con sanzioni, secondo alcuni, evitabili. “Per completezza, è giusto sapere che il Comune deve versare il 50% degli importi delle infrazioni alla Provincia di Bergamo. La restante parte, per di più al netto delle spese di notifica, deve essere inoltre obbligatoriamente destinata alla sicurezza stradale. Per il 2020, in particolare, i proventi delle infrazioni serviranno a finanziare il posizionamento di dossi in via Roma, un intervento richiesto da numerosi residenti. Viene inoltre contestata, sui social e non in maniera formale agli uffici, una sanzione per divieto di sosta che sarebbe non corretta. Dalla documentazione anche fotografica, in possesso, non risulterebbe quanto riportato su Sei di Solza se. Pertanto il diretto interessato, se ritiene, può contattare l’ufficio di Polizia locale alla seguente mail: polizia@comune.solza.bg.it, per verificare quanto asserito. Fatta questa premessa, pubblichiamo una foto della situazione che abbiamo registrato mercoledì sera in via Rossini. Come potete vedere, diversi autoveicoli risultano parcheggiati fuori dagli appositi spazi nonostante vi siano stalli vuoti a pochi metri. Ci appelliamo al senso civico di tutti voi: gli agenti stanno effettuando alcuni controlli serali ma non possono essere presenti 24 ore su 24. Il decoro, la pulizia, il rispetto delle leggi dovrebbero essere messi in atto indipendentemente da multe, controlli e sanzioni”.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia