Questura

No vax in centro Lecco, dopo il blitz beccati e denunciati due giovani

Sorpresi con le mani nella marmellata... anzi nella colla

No vax in centro Lecco, dopo il blitz beccati e denunciati due giovani
Cronaca Lecco e dintorni, 03 Settembre 2021 ore 12:54

Una denuncia per "Pubblicazione o diffusione di notizie false, esagerate o tendenziose, atte a turbare l’ordine pubblico" e una multa per "distribuzione o affissione abusiva di scritti o disegni". Non sono sfuggiti alla giustizia gli autori del blitz non vax in centro Lecco. Nella notte tra mercoledì 1 e giovedì 2 settembre infatti il salotto buono del capoluogo, come vi abbiamo raccontato, è  stato tappezzato di volantini contro i vaccini anti Covid e contro il green pass. Piazza Garibaldi, via Cavour, ma anche viale Dante: i manifesti, a tratti cruenti, sono comparsi ovunque mentre dovranno comparire in tribunale i due ragazzi che li hanno appesi.

Blitz no vax in centro Lecco: beccati e denunciati due giovani

Sì perchè i due, M.O., italiano, classe 1984, con precedenti di polizia e lei, M.S., classe 1991, entrambi di nazionalità italiana,  sono stati bloccati e denunciati dagli uomini della Squadra Volanti della Questura di Lecco.

8 foto Sfoglia la gallery

Gli agenti infatti l'altra notte  sono intervenuti  in piazza Garibaldi a Lecco dove erano stati segnalati due ragazzi, un uomo ed una donna con volto nascosto, che avevano appena finito di affiggere dei manifesti sui pilastri dell’istituto bancario. 

Avevano altri 100 volantini

Giunti sul posto i poliziotti hanno immediatamente individuato i manifesti affissi. Non solo ma nel giro di poco hanno notato in via Cavour un uomo ed una donna vestiti con abiti scuri e  felpe con cappuccio alzato sulla testa. I due avevano il volto coperto, lei da una mascherina e lui da  un foulard. I ragazzi, zaino in spalla, alla vista elle divise hanno tentato di allontanarsi senza dare nell'occhio, ma il loro atteggiamento  ha immediatamente insospettito gli agenti che li hanno raggiunti e controllati.

E i sospetti erano più che fondati. Entrambi i ragazzi avevano  ancora  le mani, i pantaloncini e le felpe imbrattati di colla. Ma a fugare qualsiasi dubbio è stato il fatto che  all’interno dei loro zaini ci fossero  altri 100 volantini simili a quelli che erano stati appesi. A quel punto il materiale è stato posto sotto sequestro mentre i due sono stati multati e denunciati.

Necrologie