Sotto il Monte

Santuario delle Caneve profanato dai giovani

Dalla fine della quarantena molti ragazzi si ritrovano alla chiesa per mangiare e bere

Santuario delle Caneve profanato dai giovani
Isola, 15 Agosto 2020 ore 17:19

Un luogo sacro da sempre legato alla figura di Papa Giovanni XXIII profanato da giovani che lo sfruttano come punto d’incontro, dove bevono, mangiano, sporcano e fumano spinelli senza alcun rispetto per la sacralità del posto e per la natura che lo circonda.

E’ sempre più spesso vittima della maleducazione dei ragazzi e delle ragazze il Santuario della Madonna delle Caneve, situato ai piedi del Monte Canto ma a pochi passi dal centro di Sottto il Monte. Testimone di questo comportamento dissacrante Giuseppina Chiappa, custode del tempietto da tutta la vita e parente alla lontana del pontefice nativo del paese.

La maleducazione dei giovani al Santuario

Pina – così la conoscono i compaesani – ha 89 anni e abita vicino alla chiesetta, di cui si prende cura ogni giorno con zelo e profonda devozione aprendone le porte, pulendola e mantenendola in ordine per i fedeli o i pellegrini di passaggio che si fermano incuriositi dalla bellezza del luogo. Un ruolo che svolge da quando era soltanto una ventenne e che a fine 2019 le è persino valso il titolo di «cittadina dell’anno» conferitole dall’Amministrazione comunale e dalle associazioni del paese, ma che negli ultimi mesi le sta causando non pochi problemi.

«Da quando è finita la quarantena arrivano qui tanti ragazzi, a volte di sera ma altre volte di pomeriggio – ha spiegato la sacrista – Si siedono sotto il porticato del santuario e mangiano, bevono, giocano a calcio fino a tarda notte». Fumano anche qualche spinello e poi, immancabilmente, abbandonano la spazzatura e se ne vanno. «La mattina trovo bicchieri, succhi, birre, bottiglie di alcolici, sacchetti di patatine, buste della spesa… di tutto – ha infatti continuato profondamente contrariata l’89enne – e spesso trovo anche sporco di urina».

Rifiuti abbandonati

Una situazione insostenibile che ormai va avanti da oltre due mesi, di cui sono a conoscenza sia il Comune sia i carabinieri. I militari si sono recati sul posto più volte per un sopralluogo e hanno pure visionato le telecamere di videosorveglianza che riprendono 24 ore su 24 il tempietto, ma ancora non è cambiato niente.

“Certi ragazzi arrivano in bici, altri in moto e altri ancora in auto – ha proseguito Pina Chiappa, sottolineando come alcuni di questi giovani sembrerebbero minorenni – A me non disturbano: se passano di giorno mi fanno compagnia, se vengono di sera non li sento perché i muri della mia camera sono spessi, anche se giocano a calcio. Però mi dispiace che si mettano davanti al santuario e lascino sempre sporco”.

La mattina dopo, infatti, è sempre la custode che deve farsi carico delle pulizie, qualche volta aiutata dai suoi figli che le danno una mano. “Un giorno ho raccolto un cartone della pizza dal sagrato – ha concluso esasperata – mentre un altro giorno ho trovato della carta stagnola vicino alle immagini sacre del papa presenti all’interno della chiesa, probabilmente buttata lì attraverso la finestra”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia