Ordinanza comunale

Montevecchia: stop alle auto in Alta collina e pass obbligatorio anche per i pedoni

L'Amministrazione corre ai ripari con nuove misure per gestire la Fase 2, ma che restanno valide anche dopo il rientro dell'emergenza.

Montevecchia: stop alle auto in Alta collina e pass obbligatorio anche per i pedoni
Cronaca 06 Maggio 2020 ore 11:07

Alta collina di Montevecchia blindata alle auto e nel weekend accessi regolamentati attraverso dei pass, con tanto di check point lungo via Belvedere (all'altezza degli incroci con via Alta del Poggio e via Donzelli) e all'ingresso di piazzetta Agnesi.

Nuove misure di accesso all'Alta collina di Montevecchia

Non hanno perso tempo il sindaco Franco Carminati e il vicesindaco Edoardo Sala, che dopo il Dpcm del 26 aprile, insieme a tutte le altre Amministrazioni della provincia di Lecco, hanno voluto fare chiarezza sugli spostamenti concessi, soprattutto quelli legati all’attività sportiva. «La nostra interpretazione del decreto è un’interpretazione restrittiva: non si potrà arrivare a Montevecchia in auto per fare sport e l’attività motoria dovrà partire da casa propria - ha spiegato il primo cittadino - Una persona di Cernusco può partire da casa sua a piedi e continuare a correre a Montevecchia? Sì, ma non può pensare di venire da noi in auto e poi iniziare a fare sport».
Un dettaglio non da poco, se si considerano soprattutto le peculiarità geografiche dell’Alta collina e l’attrattività che da sempre questi luoghi hanno dal punto di vista turistico. Amministrazione e Polizia locale nella giornata di  lunedì si sono infatti adoperate per redarre una nuova ordinanza, che resterà in vigore almeno fino al prossimo 18 maggio.

Le regole durante la settimana a Montevecchia

«Durante la settimana l’accesso all’Alta collina sarà vietato alle auto se non per motivi legati alla necessità e all’urgenza: potranno salire chiaramente i residenti, chi deve far visita a un congiunto, chi va al cimitero e chi effettua delle consegne alimentari a domicilio. Sarà invece consentito l’accesso a piedi o in bicicletta per chi pratica attività sportiva, essendo partito da casa sua già con quei mezzi. Non sarà possibile parcheggiare nella parte bassa del paese e poi iniziare l’attività sportiva» ha spiegato con chiarezza Carminati.

Pass anche per chi sale in Alta collina a Montevecchia a piedi nel weekend

Discorso diverso, invece, per il weekend. «Il sabato dalle 14 alle 19 e domenica dalle 8.30 alla 19 sarà vietato l’accesso in auto all’Alta collina, fatta eccezione per i residenti. A piedi, invece, sarà possibile salire ma gli accessi saranno contingentati. Vale a dire che questo weekend, il primo con queste nuove regole, verranno effettivamente conteggiate le presenze per avere un’idea degli accessi. Dal prossimo, il weekend del 16 e del 17 maggio, si potrà salire, sempre a piedi, solo se in possesso di un pass, che si potrà scaricare online attraverso in canali della ProMontevecchia» ha aggiunto il primo cittadino.
«Ci saranno poi dei controlli: in via Belvedere all'altezza degli incroci con via Alta del Poggio e via Donzelli e un altro in piazzetta Agnesi, resi possibili da una pattuglia di Polizia locale (Sara Fumagalli, l’unico agente attualmente in forze a Montevecchia potrà contare sull’aiuto di vigili provenienti da altri Comuni grazie ad una convenzione, ndr), dalla Protezione civile e da alcuni volontari. Gli accessi saranno consentiti ad un numero massimo di persone, che stiamo calcolando con precisione proprio in funzione degli spazi disponibili e considerando la distanza interpersonale» ha aggiunto Sala.

Le misure continueranno anche a fine emergenza: "Indietro non si torna"

Una soluzione strategica, che tiene conto delle peculiarità del paese collinare, che non ha grandi vie di fuga e che da sempre, soprattutto nel weekend, si trova assediato da centinaia di auto parcheggiate a bordo strada o direttamente sulla carreggiata. Un problema annoso, che in questo momento di emergenza sanitaria rischia di creare danni ulteriori, e che l’Amministrazione sta da tempo cercando di contenere. «Queste misure ci permettono anche di guardare al domani. Non è pensabile che la collina continui ad essere vissuta come si è fatto fino ad ora. Quando riapriranno i ristoranti, per esempio, in Alta collina salirà in auto solo chi potrà mostrare una prenotazione» ha puntualizzato Carminati.
Da escludere, contrariamente alle voci girate in paese e sulla stampa nazionale nei giorni scorsi, è l’introduzione di un ticket a pagamento: «Voglio chiarire che l’Amministrazione ha come obiettivo quello di risolvere l’eccessiva affluenza in Alta collina, non quello di far cassa».
Gli amanti di Montevecchia e dei suoi suggestivi scorci possono stare tranquilli, non ci sarà nessun ticket da pagare, ma i tempi dei parcheggi selvaggi sono finiti e da oggi anche per i pedoni saranno in vigore regole ferree. «Indietro non si torna» ha concluso con determinazione Carminati.

Leggi anche: Coronavirus, a Casatenovo quasi 100 casi e 21 decessi 

Necrologie