Il futuro del sodalizio

Missaglia: il messaggio di fine anno del presidente del Cai

I membri dell'associazione stanno lavorando su un nuovo calendario di attività

Missaglia: il messaggio di fine anno del presidente del Cai
Cronaca Casatese, 26 Dicembre 2020 ore 11:40

Questo 2020 sta per giungere al termine e il presidente del Cai di Missaglia Luigi Brambilla, tramite un apposito comunicato pubblicato sul sito dell’associazione, ha tirato le somme sull’anno appena trascorso e ha spiegato quali saranno le prossime attività previste.

Missaglia: il messaggio di fine anno del presidente del Cai

“Cari Soci e Simpatizzanti, ci avviamo verso il termine di questo anno che ha stravolto la nostra vita. Abitudini e comportamenti sono stati costretti a cambiare di fronte agli effetti del coronavirus. Molte sono state le perdite umane. La pandemia ha pesantemente influito anche sulle attività sociali e sulla vita della nostra sezione impedendoci di rispettare il programma 2020 preparato con la solita cura e distribuito pochi giorni prima del lockdown di marzo – recita il messaggio – In questi giorni ci si interroga su quali attività saranno possibili nell’anno che viene. La situazione rimane complicata e, molto probabilmente, le necessarie azioni di contrasto al virus impediranno ancora a lungo le libere escursioni nella natura e sulle montagne”.

Le attività previste nel 2021

“Tuttavia una associazione è tale proprio perché riunisce singole persone dando loro scopi comuni. E per questo occorre darsi un piano delle attività. Obiettivi e date. Daremo vita quindi a un calendario concentrato nella bella stagione, da maggio a settembre, pensando che questo aiuti – spiega il comunicato –  Inoltre le mete saranno esclusivamente nel territorio lombardo. Altro pensiero è rivolto al tesseramento. Grazie allo spirito di tutti i soci, che qui voglio ringraziare, quest’anno abbiamo avuto una flessione degli iscritti sezionali molto piccola. Mi rivolgo ai soci che hanno visto un ritorno assai limitato alla loro iscrizione chiedendo loro di starci vicino anche in questo periodo. Il Cai è un associazione nazionale che nel 2021 farà 158 anni. E’ quindi passato anche attraverso epoche difficili, mantenendosi vivo e facendo da riferimento per generazioni di escursionisti e alpinisti. Il contributo dato con l’iscrizione è sostegno alla continuazione della associazione, della sua attività e di una freschissima nuova sede sezionale e non deve mancare ora.
Di una cosa possiamo essere certi: il virus sarà battuto e torneremo liberi”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità