Menu
Cerca
Polfer

Minacce ai ferrovieri e insulti a fondo sessista alla capotreno: nei guai otto giovani

Scene di "ordinaria" follia sui convogli lecchesi

Minacce ai ferrovieri e insulti a fondo sessista alla capotreno: nei guai otto giovani
Cronaca Meratese, 21 Maggio 2021 ore 13:57

Minacce e insulti ai ferrovieri: nei guai otto giovanissimi. Continua infatti  senza  sosta l’attività della Polizia Ferroviaria per contrastare i reati  a bordo dei convogli ferroviari commessi, soprattutto, da minorenni. Proprio in questo ambito, nei giorni scorsi, sono scaturiti diversi provvedimenti delle forze dell'ordine.

Minacce ai ferrovieri e insulti a fondo sessista alla capotreno: nei guai otto giovani

In particolare cinque  giovani, di età compresa tra i 16 e 21 anni, grazie ad un’accurata attività d’indagine della Polizia Ferroviaria di Lecco, sono stati denunciati per interruzione di pubblico servizio, oltraggio a Pubblico Ufficiale e rifiuto di indicazioni sull’identità personale. I cinque, a bordo di un treno partito da Lecco e diretto a Milano, durante la fermata in una stazione intermedia,  alla richiesta del capotreno, si sono rifiutati di fornire le proprie generalità e di regolarizzare la loro posizione sul convoglio visto che erano sprovvisti di biglietto.

Come se non bastasse i ragazzi hanno lanciato con violenza alcune lattine piene di birra sul marciapiede che sono esplose nelle vicinanze di alcuni ferrovieri. Il gruppo si è poi dileguato ed il treno ha maturato 20 minuti di ritardo nella partenza. Anche il giorno successivo, due di loro, dopo essere stati sorpresi a viaggiare senza biglietto, hanno insultato  e minacciato il capotreno del convoglio su cui erano a bordo. Grazie alla visione delle riprese della videosorveglianza presente a bordo treno e nelle varie stazioni, gli agenti sono risaliti ai responsabili, che sono stati segnalati all’Autorità Giudiziaria. 

Sempre la Polizia Ferroviaria di Lecco ha denunciato tre uomini di origine straniera   di età compresa tra i 17 e 31 anni,  per interruzione di pubblico servizio, violenza e oltraggio a Pubblico Ufficiale. I tre, anche in questo caso senza i biglietto e con l’intenzione di viaggiare gratis, nella stazione di Lecco, con un treno pronto a partire, hanno forzato l’apertura della porte travolgendo la capotreno. Non solo ma la hanno anche  derisa e  offesa a con insulti a sfondo sessista. Sempre  grazie al supporto delle  telecamere, i poliziotti sono risaliti ai tre  che sono stati denunciati anche per aver imbrattato, con sostanze alcoliche, svariati arredi del treno.

Necrologie