Dolore

L'ultimo dono di Gioele: i genitori hanno acconsentito all'espianto degli organi

Dopo la morte del piccolo si aggrava la posizione  dell'uomo accusato di essere alla guida del mezzo che lo ha investito.

L'ultimo dono di Gioele: i genitori hanno acconsentito all'espianto degli organi
Cronaca Meratese, 11 Maggio 2021 ore 21:42

Nel momento più tragico della loro esistenza i genitori del piccolo Giolele, il bimbo travolto giovedì scorso a Merate e morto martedì 11 maggio 2021 in ospedale a Bergamo, hanno compiuto il più generoso dei gesti e hanno acconsentito all'espianto degli organi. Il bimbo di sette anni rivivrà nelle tante persone che grazie a questo grande dono potranno ricominciare a guardare al futuro.

L'ultimo dono del piccolo Gioele: i genitori hanno acconsentito all'espianto degli organi

Un futuro che per Gioiele invece si è spezzato nel tragico istante in cui un'auto l'ha travolto mentre si trovava sul marciapiede di via degli Alpini a Merate. Anche mamma Jenny e la sorella maggiore di 12 anni erano con lui. Anche loro sono state colpite, ma ad avere la peggio è stato il cucciolo di famiglia le cui condizioni erano apparse immediatamente disperate.

I medici non si erano arresi: Gioele era stato caricato sulla eliambulanza e trasportato a Bergamo dove era stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgici. Per cinque giorni le comunità di Cernusco Lombardone, dove la famiglia abita,  e Merate dove è accaduto l'incidente hanno sperato, hanno pregato che il piccolo potesse riprendersi. Ma il miracolo non è avvenuto e questa mattina il piccolo guerriero ha deposto le armi e come detto mamma Jenny e papà Massimiliano, nel dirgli addio, hanno acconsentito a donare gli organi.

Si aggrava la posizione dell'investitore

Dopo la morte del piccolo si aggrava la posizione  dell'uomo accusato di essere alla guida del mezzo che lo ha investito. Il 37enne di origini pakistane residente a Carnate inizialmente aveva raccontato alle forze dell'ordine che a causare l'incidente era stato un pirata della strada che si era dato alla fuga. Ma ai Carabinieri e agli agenti della Polizia Locale di Merate era bastato poco per smontare  la sua ricostruzione  tanto che l'uomo era stato denunciato a piede libero per lesioni. Accusa che ora potrebbe tramutarsi in quella di omicidio stradale o omicidio colposo.

 

 

Necrologie