Cronaca
lE CONSEGUENZE DELLA GUERRA

Indagine sulla crisi russo-ucraina: imprese in allarme

Il presidente di Api Lecco Sondrio: "Oltre ai tragici risvolti umani delle popolazioni direttamente coinvolte, le nostre imprese sono preoccupate per lo tsunami economico".

Indagine sulla crisi russo-ucraina: imprese in allarme
Cronaca Lecco e dintorni, 28 Febbraio 2022 ore 13:45

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia di giovedì scorso ha generato conseguenze anche sul nostro mondo imprenditoriale, che ad oggi, dopo quattro giorni di guerra, è in forte allarme per i rapporti commerciali in bilico con questi due Paesi.

LEGGI ANCHE 

Ucraina, è il momento di agire. Les Cultures lancia una raccolta fondi

Ucraina: la Brianza e Lecco si mobilitano con una raccolta viveri

Indagine sulla crisi russo-ucraina: imprese in allarme

Il Centro Studi di Api Lecco Sondrio ha condotto un’indagine flash con gli imprenditori associati su questo tema e il quadro che ne è uscito è di forte allarme nelle aziende soprattutto per il chiudersi di un mercato che negli ultimi anni stava crescendo, in particolare con la Russia.

Il 29% delle aziende Api, infatti, esporta in questo paese, mentre il 13% lo fa in Ucraina. C’è preoccupazione per i rapporti commerciali e i pagamenti, ma anche per i possibili ulteriori rincari riguardanti i costi di energia elettrica: il 65% delle imprese teme un’impennata dei prezzi. Sale anche la preoccupazione per i ritardi di fornitura: il 14% è in forte allarme, il 23% in allarme mentre il 29% preoccupato.

Il tema delle sanzioni

Riguardo le sanzioni economiche che l’Unione Europea ha deciso di applicare alla Russia, il 50% delle aziende di Api Lecco Sondrio pensa siano giuste ma potrebbero avere conseguenze gravi sulla loro attività, non solo per quelle che operano direttamente con questo Paese. Il 20% delle imprese intervistate chiederebbe un ulteriore inasprimento delle sanzioni per la nazione guidata da Vladimir Putin, mentre un non trascurabile 23% avrebbe auspicato un atteggiamento neutrale da parte dell'Italia.

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie