Il bollettino del sindaco

Covid, a Paderno picco di nuovi contagiati

I cittadini positivi sono aumentati di 12 unità nel giro di pochi giorni.

Covid, a Paderno picco di nuovi contagiati
Meratese, 26 Ottobre 2020 ore 16:35

Un picco di 12 cittadini positivi nel giro di pochi giorni. E’ questa la fotografia del contagio da Covid a Paderno d’Adda tratteggiata dal sindaco Gianpaolo Torchio.

Covid a Paderno: 12 nuovi positivi

“I dati ricevuti oggi della Prefettura sui positivi a coronavirus confermano e rafforzano l’andamento negativo, che aveva iniziato a manifestarsi nella seconda metà di questa settimana – si legge nel documento pubblicato sul sito del Comune di Paderno ieri, domenica 25 ottobre 2020 – Negli ultimi 4 giorni i positivi a Covid-19 a Paderno d’Adda sono cresciuti di 12 unità, di cui 5 solo oggi. Le persone che risultano essere attualmente positive sono complessivamente 16. Sono invece 11 le persone in isolamento: 9 di queste per contatto stretto, 1 per rientro dall’estero e l’ultima per sintomi sospetti”.

“Situazione grave anche a Paderno”

Sono toni molto seri, quelli utilizzati dal sindaco Torchio per commentare i dati. “La situazione è quindi grave anche a Paderno, pienamente dentro all’ormai consolidata e montante seconda ondata nazionale. Sicuramente sono necessari interventi di governo importanti, anche dolorosi, che trovino un difficilissimo equilibrio tra il limitare pezzi della nostra vita sociale, per frenare il virus, e il lasciare sufficiente libertà al lavoro e alle attività essenziali della vita, per non soffocare la nostra già pesantemente colpita economia e il sofferente tessuto di relazioni. E’ indispensabile un lavoro sanitario imponente di prevenzione, tracciamento e cura”.

L’appello ai cittadini

Di qui, l’appello a comportarsi bene, nel rispetto delle norme. “Insieme a ciò, ognuno di noi continua ad essere chiamato a dare il proprio contributo. Pochi gesti quotidiani che abbiamo imparato a conoscere bene: uso della mascherina sempre quando non si è in casa con i familiari,  attività motorie e sociali all’aperto, distanziamento fisico in ogni caso. I nostri comportamenti di singoli, da soli, non fermeranno l’epidemia. Ma se saranno di tutti, costanti nel tempo, senza distrazioni e superficialità, potranno renderla meno veloce e aggressiva. Potranno regalarci un po’ di tempo e di respiro. Ci potranno permettere, anche in questo periodo così difficile, di continuare a lavorare per costruire quanto verrà dopo”.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia