La situazione negli ospedali lecchesi

Covid: 116 pazienti al Mandic, 183 al Manzoni. 19 vittime da settembre

Favini: "Regione Lombardia ci ha chiesto una ulteriore disponibilità di letti destinati a pazienti  Covid"

Covid: 116  pazienti al Mandic, 183 al Manzoni. 19 vittime da settembre
Meratese, 09 Novembre 2020 ore 17:01

Sono 183 ad oggi, lunedì 9 novembre 2020 i pazienti Covid ricoverati al Manzoni , 116 quelli al Mandic. Dati,  quelli comunicati dal direttore generale della Asst Paolo Favini di poco superiore a quello di giovedì scorso per Lecco. Cinque i pazienti in più, purtroppo per lo più in condizioni estremamente serie. Tre infatti sono stati trasferiti in Terapia intensiva dove al momento ci sono 13 pazienti e dove sono stati ulteriormente incrementati i posti letto. Più netto l’aumento a Merate dove i pazienti giovedì erano 98. Qui le persone in Rianimazione sono 8.

LEGGI ANCHE Covid, ma non solo: la mortalità raggiunge i livelli di marzo. In provincia di Lecco 505 vittime del Coronavirus

183 pazienti Covid al Manzoni, 116 al Mandic

L’aumento di posti letto che ha riguardato ad esempio la  Rianimazione lecchese è destinato a coinvolgere anche altri reparti. “Regione Lombardia ci ha chiesto una ulteriore disponibilità di letti destinati a pazienti  Covid – ha spiegato il Dg –  Le percentuali ipotizzate (45% Lecco e 68% Merate) erano indicative e non fisse”. Una richiesta, quella avanzata dal Pirellone, fatta per rispondere tanto alle esigenze del nostro territorio quanto a quelle di strutture sanitarie di aree lombarde che sono andate in affanno, come Monza, Milano e Varese. “Proprio in questo fine settimana abbiamo ricoverato persone provenienti da fuori provincia – ha confermato il Dg – Da noi, sul fronte dei contagi e degli ospedalizzati è stata registrata una crescita costante non come lo tsunami che ci ha investito a marzo quando in poco tempo avevamo ricoverato 540 persone. In altre realtà sta andando diversamente”.

LEGGI ANCHE Tra negazionisti e terroristi ferve il lavoro in corsia

Emergenza Covid: si cerca nuovo personale con contratti Co.Co.Co

Un aiuto alla Asst di Lecco nella gestione dei casi non acuti, è arrivato dalle strutture private  accreditate del territorio (come ad esempio la clinica Mangioni) che hanno messo a disposizione del letti per  i pazienti in uscita dall’ospedale. Sul fronte interno invece si lavora per cercare nuovo personale “anche attraverso contratti Co.Co. Co. Purtroppo l’aiuto che abbiamo ricevuto in passato, ad esempio con l’arrivo di contingenti medici esteri, in questo momento non è una realtà. Ho sentito i medici rumeni che erano arrivati a Lecco la scorsa primavera: purtroppo la situazione epidemica da loro non è molto diversa dalla nostra”.

10% dei dipendenti positivo

Braccia e menti in più, ancora più necessari, considerato che circa il 10% dei dipendenti risulta ad oggi positivo. “Abbiamo sottoposto a tampone 1083 lavoratori: 99 sono sono risultati positivi (14 medici, 47 infermieri, 10 amministrativi, 3 ostetriche alcuni tecnici) e 984 negativi. La percentuale dei contagiati è inferiore a quella del territorio lecchese dove mediamente circa il 18%-20% delle persone ha ufficialmente contratto il Covid”.

La pressione sui Pronto soccorso

Tornano ai numeri forniti dal dottor  Favini ad oggi sono 22 le persone che per respirare hanno bisogno di un supporto esterno al Manzoni e 16 quelle al Mandic. E la pressione sul Pronto soccorso? “Stamattina a Lecco c’erano 11 pazienti Covid in trattamento, 10 dei quali sono stati poi trasferiti nei reparti e 10 non Covid“. Ben diversa la situazione al Mandic di Merate dove nelle stesse ore, in Ps, c’erano 16 pazienti Covid e 3 non Covid.

Le vittime

Dolorosa la conta delle vittime: 19 i pazienti  Covid positivi che da settembre ad oggi sono morti in ospedale .

Il confronto

La situazione giovedì scorso

La situazione al 2 novembre

La situazione al  30 ottobre

La situazione al 28 ottobre

La situazione al 24 ottobre

La situazione al 21 ottobre

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia