A Olgiate Molgora

Coronavirus: “Stabili i contagi ma non abbassiamo la guardia”

Nella mattinata di oggi, sabato 28 marzo 2020, il sindaco Bernocco ha fatto il punto sulla situazione in paese.

Coronavirus: “Stabili i contagi ma non abbassiamo la guardia”
Meratese, 28 Marzo 2020 ore 12:15

Restano stabili i contagi da Coronavirus nel Comune di Olgiate Molgora, ma resta la necessità di mantenere alta la guardia. A comunucare i dati aggiornati alla giornata di oggi, sabato 28 marzo 2020, è stato il primo cittadino Giovanni Battista Bernocco.

Restano 15 i contagiati dal Coronavirus a Olgiate

“Cari concittadini, da oltre una settimana fortunatamente ad Olgiate Molgora non ci sono stati incrementi nel numero di persone positive al Covid-19. Siamo stabili a 15, numero a cui, come la scorsa settimana, vanno aggiunti 8 ospiti della Casa dei Ragazzi in via di guarigione” scrive il sindaco Bernocco rivolgendosi direttamente ai cittadini. “La strada da percorrere è ancora lunga e non possiamo abbassare la guardia, proprio perché questi dati incoraggianti dipendono dai comportamenti che tutti noi abbiamo messo in atto e dal rispetto delle disposizioni regionali e ministeriali – prosegue Bernocco, ringraziando i cittadini che si sono mostrati particolarmente diligenti nel rispetto delle restrizioni – In proposito rinnovo i miei complimenti a tutti voi per il grande senso di responsabilità con cui state affrontando questa emergenza. In pochissimi casi abbiamo dovuto sanzionare atteggiamenti ‘poco prudenti’ ma vi comunico che la Polizia locale, che ringrazio, sta pattugliando il territorio con dei controlli straordinari”.

Salgono a 23 le vigilanze attive

“In confronto alla scorsa settimana – prosegue il comunicato – sono aumentate le vigilanze attive, cioè le persone poste in quarantena perché entrate in contatto con persone riconosciute positive o che hanno una sintomatologia sospetta. Siamo passati da 16 a 23, ma questo è un numero che cambia spesso, anche se è stabile da alcuni giorni, per via delle persone che entrano ed escono dalla quarantena. Finora sono lieto di comunicarvi che nessuno dei nostri concittadini che è stato sottoposto a quarantena dall’inizio dell’epidemia è diventato positivo”.

Sono sei i decessi per Coronavirus

Sono sei ad oggi le persone residenti ad Olgiate che hanno perso la vita a causa del Covid-19. “Come sapete, nei giorni scorsi, anche la nostra comunità è stata colpita da dei decessi tra le persone positive al Coronavirus: 6 persone formalmente residenti a Olgiate. Alle loro famiglie va il mio abbraccio in questo terribile momento di dolore e, ne sono certo, quello di tutti gli olgiatesi” scrive ancora il sindaco.

“Come dice il Papa ‘Siamo tutti sulla stessa barca’ “

“Vorrei dirvi che, oltre a gestire l’emergenza, l’Amministrazione sta già analizzando i provvedimenti più opportuni da mettere in atto per permettere alla comunità di ripartire. Mi riferisco a degli sgravi sui tributi per alcune categorie o al pagamento delle rette. Su questi aspetti però preferisco non fare annunci e informarvi di volta in volta quando verranno realizzati – aggiunge ancora il sindaco – Permettetemi infine di rivolgere anche oggi dei doverosi e sentiti ringraziamenti ai nostri commercianti e ai volontari della Croce Rossa, con un pensiero particolare ai giovani, che per rispondere ai bisogni della cittadinanza stanno compiendo grandissimi sforzi e atti di generosità”. Il comunicato di “Olgiate Rinasce” si conclude poi con la ripresa delle parole del Papa: “A tutti loro, a tutti noi, vorrei dedicare queste parole pronunciate ieri da Papa Francesco: ‘Ci siamo resi conto di trovarci sulla stessa barca, tutti fragili e disorientati, ma nello stesso tempo importanti e necessari, tutti chiamati a remare insieme, tutti bisognosi di confortarci a vicenda. Su questa barca, ci siamo tutti, ci siamo accorti che non possiamo andare avanti da soli ma insieme'”.

Leggi anche: 

Coronavirus: 1210 positivi in provincia di Lecco I DATI AGGIORNATI E LA NUOVA MAPPA

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia