Cronaca
Lotta al narcotraffico

Blitz nei boschi della droga: scoperti 4 bivacchi dei pusher e cocaina nascosta sotto gli alberi

Al setaccio le aree boschive tra i Rogeno, Bosisio Parini, Sirone e Bulciago.

Blitz nei boschi della droga: scoperti 4 bivacchi dei pusher e cocaina nascosta sotto gli alberi
Cronaca Meratese, 22 Ottobre 2021 ore 12:28

Blitz dei militari meratesi nei boschi della droga. Una operazione, quella effettuata ieri dai Carabinieri, che ha permesso di scoprire quattro bivacchi utilizzati dagli spacciatori e ha portato anche al sequestro di oltre 40 grammi di cocaina.

Blitz nei boschi della droga: scoperti 4 bivacchi dei pusher e cocaina nascosta sotto gli alberi

Prosegue infatti l’attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti da parte dei Reparti del Comando Provinciale Carabinieri di Lecco, con  servizi di osservazione e controllo delle aree ritenute di maggiore interesse e tra queste  zone boschive situate a  ridosso della Statale 36 e della S.P. 342, ovvero la provinciale Como-Bergamo.

Nel pomeriggio di ieri, giovedì 21 ottobre 2021, i Carabinieri della Compagnia di Merate, hanno setacciato  le aree boschive poste nei comuni di Rogeno, Bosisio Parini, Sirone e Bulciago.  Nell'articolata operazione sono scese  in campo anche una Squadra d’Intervento Operativo del 3° Reggimento CC Lombardia di Milano e due unità Cinofile del Nucleo Carabinieri di Casatenovo.

LEGGI ANCHE Evasione e traffico di droga: maxi operazione internazionale, due arresti nel Meratese

Durante il blitz i militari hanno scoperto evidenti tracce dell'attività legata al narcotraffico in queste zone a partire da quattro bivacchi, con tutta probabilità utilizzati dagli spacciatori  nei boschi di Rogeno e Bosisio Parini.

Non solo ma a Sirone, i Carabinieri hanno trovato anche 34 grammi di cocaina. La polvere bianca, che è stata posta sotto sequestro, era all'interno di una  busta di cellophane nascosta alla base di un albero  Altri 13 grammi di "coca", già suddivisa in dosi pronte per essere vedute, sono stati trovati all’interno di un’autovettura, intestata ad un “prestanome” residente in provincia di Alessandria, lasciata  incustodita vicino al  Santuario Ai Morti del Lavello di Bulciago.

Il veicolo con intestazione fittizia è stato sottoposto a sequestro amministrativo e verrà radiato dal PRA.

Necrologie