Aggiornamento

A Sotto il Monte 24 decessi in un mese

Ci sono inoltre 25 positivi accertati e 40 persone in quarantena obbligatoria.

A Sotto il Monte 24 decessi in un mese
Cronaca Isola, 05 Aprile 2020 ore 16:03

A Sotto il Monte ci sono stati 24 decessi in un mese. Un dato importante che il sindaco ha reso pubblico per convincere i cittadini della gravità della situazione.

I dati di Sotto il Monte sul Coronavirus

A Sotto il Monte, dal primo marzo a ieri, 3 aprile 2020, ci sono stati 24 decessi. Le persone positive accertate, ricoverate in ospedale oppure a casa, sono invece 25, mentre le persone in quarantena obbligatoria, fiduciaria o volontaria, sono 40. I dati sono stati resi noti dal sindaco Denni Chiappa e sono stati raccolti nelle ultime settimane dalla Prefettura, dall'Ats e dal Comune. "Questi dati sono a mio avviso sottostimati - ha però specificato - Parlando con un medico di base, infatti, ho saputo che questa settimana ha riscontrato altri 16 possibili nuovi casi. Per cui, visti i comportamenti irrispettosi di chi esce continuamente di casa nei confronti di coloro che le regole le stanno rispettando, e soprattutto nei confronti delle famiglie che hanno perso una persona cara e di chi sta lottando in ospedale, abbiamo chiesto ai Carabinieri e alla Polizia locale maggior rigore nei controlli, che, in virtù dell’aumento degli spostamenti, sono stati previsti anche dalla Prefettura di Bergamo. Di conseguenza, quando prenderete una multa salata o peggio ancora una denuncia penale perché andate in bottega tutti i giorni, a passeggio con amici/amiche o peggio ancora a camminare con i bambini, che non vi venga in mente di venire a lamentarvi dal sottoscritto. Ci sono persone malate in paese di cui purtroppo non si sa nulla, quindi uscire continuamente è da irresponsabili".

LEGGI ANCHE: Tenta di rubare la spesa per sfamare la sua famiglia. Il vigile gliela paga

Il sindaco ribadisce le regole da rispettare

Nel suo messaggio ai cittadini, il sindaco ha quindi ribadito nuovamente la necessità di stare a casa e di uscire a fare la spesa una volta a settimana, una persona per famiglia, utilizzando le protezioni individuali e soprattutto senza acquistare quotidianamente beni deperibili. "Non uscite se si accusano sintomi o se in famiglia avete qualcuno malato - ha poi concluso - ma usate i servizi a domicilio comunali, che non costano nulla. Mi sembra ridicolo dover ribadire queste cose. Se vogliamo tornare alla normalità il prima possibile dobbiamo fare dei sacrifici e avere buonsenso. Solo così possiamo onorare il lavoro del personale sanitario e di tutti i volontari impegnati in questa emergenza. Mi raccomando quindi, rispettate le regole, rispettate gli altri e soprattutto rispettate voi stessi".

Necrologie