Cronaca
Festa della Liberazione

25 aprile: le celebrazioni a Castello di Brianza FOTOGALLERY

La posa della corona d'alloro al monumento dei caduti di Brianzola, un minuto di silenzio e il consueto alzabandiera. Il sindaco: "Alla fine vinceremo noi".

25 aprile: le celebrazioni a Castello di Brianza FOTOGALLERY
Cronaca Meratese, 25 Aprile 2020 ore 19:09

25 aprile: le celebrazioni a Castello di Brianza. La cerimonia si è svolta in località Brianzola, presso il Monumento ai Caduti, dove è stata posata la tradizionale corona d'alloro, è stato effettuato il consueto alzabandiera, insieme all'esecuzione musicale dell'inno nazionale, ed infine osservato un minuto di silenzio. È così che l'Amministrazione comunale di Castello Brianza ha celebrato il 25 aprile di quest'anno, alla presenza di alcuni esponenti degli Alpini (il capogruppo) e, a causa dell'emergenza sanitaria, di un esiguo numero di autorità, tra cui il sindaco Aldo Riva e il vicesindaco Mario Pirovano.

25 aprile: la particolare cerimonia di Castello Brianza

Data l'emergenza sanitaria, l'Amministrazione comunale ha deciso di confermare, seppur con uno svolgimento diverso da quello normalmente seguito in tutti questi anni e nel rispetto delle misure restrittive previste, la celebrazione del 25 aprile per la Festa della Liberazione. Una Festa della Liberazione decisamente particolare, un po' atipica e diversa dal solito, celebrata nella piazza del Monumento ai Caduti di Brianzola. "La cerimonia di oggi si svolge con modalità straordinarie causa la nota situazione di crisi per la pandemia da Coronavirus. Iniziamo la commemorazione rendendo onore alla bandiera italiana. Il simbolo che unisce tutti i valori della patria italiana è l’inno nazionale. La corona floreale al monumento ai caduti è il segno della memoria civica in onore dei caduti ed in particolare per i Martiri della Libertà. La commemorazione dei caduti per la liberazione è un atto fondamentale per capire fino in fondo il valore della libertà. Procediamo ora con un minuto di silenzio in ricordo e commemorazione di tutti i caduti per la libertà ed anche di tutti i deceduti italiani causa Coronavirus.

LEGGI ANCHE 25 aprile: le celebrazioni a Colle Brianza FOTOGALLERY

Il discorso del sindaco Aldo Riva alla cittadinanza

Durante la cerimonia ha preso la parola il sindaco Aldo Riva, che, rivolgendosi alla cittadinanza, ha tenuto il suo discorso. "Oggi, come già ricordato, è un 25 aprile particolare - ha dichiarato - Noi di Castello Brianza siamo abituati a celebrare questa ricorrenza con grande partecipazione, con tante bandiere e gagliardetti e con tante onorificenze. Ne avremmo avute anche oggi da consegnare. Quest’anno non è stato possibile causa forza maggiore, ma sono fiducioso che ritorneremo a fare questo in grande stile e con partecipazione attiva. Sono qui davanti al nostro monumento ai caduti unitamente al Capogruppo Alpini in rappresentanza dei cittadini, dei gruppi e delle associazioni e del vicesindaco in rappresentanza dei Volontari civici comunali, che non hanno potuto essere presenti. Tutti idealmente sotto un’unica bandiera, quella italiana che sventola oggi nel nostro cielo. Penso che in questa situazione di crisi abbiamo anche qualche risvolto positivo, che ci abbia aiutato a capire meglio il valore di certe parole, ad esempio: libertà, famiglia, fiducia, solidarietà, sacrificio. Stamane, appena arrivato al monumento, ho pensato che queste parole (libertà, famiglia, fiducia, solidarietà e sacrificio) potessero stare benissimo anche dentro il discorso per la festa civica del 25 aprile. Non è un caso che i nostri padri, con e dopo il 25 aprile seppero sviluppare questi importanti valori che voglio ripetere per la terza volta: libertà, famiglia, fiducia e solidarietà, sacrificio ed hanno saputo – in quegli anni – con azioni concrete, costruire una società moderna e democratica. So che oggi i discorsi devono essere brevi e quindi voglio terminare con due pensieri ed un saluto: in onore del 75° anniversario della liberazione, il primo pensiero, il ricordo ed il ringraziamento vanno ai tanti caduti immolati per la liberazione dell’Italia nel lontano, ma sempre vicino, 1945. Il secondo pensiero e ringraziamento ai cittadini, adulti e bambini, che in queste settimane di crisi pandemica sono rimasti a casa facendo tanti sacrifici, sacrificando anche le libertà personali e rispettando le regole della convivenza civile. Il saluto a tutti i cittadini e in particolare alle persone sole, ammalate o in difficoltà. Grazie a tutti. Buon 25 aprile. Viva l’Italia, viva Castello di Brianza. Alla fine vinceremo noi".

LEGGI ANCHE 25 aprile: le celebrazioni a La Valletta Brianza e Santa Maria Hoè FOTO

4 foto Sfoglia la gallery
Necrologie