Menu
Cerca
Airuno - Lecco

Il Garante nazionale per le persone private della liberta incontra Carlo Gilardi. “Il suo desiderio è di ritornare a una vita libera”

Nel corso del colloquio è stato anche stabilito un contatto telefonico con il Sottosegretario di Stato al Ministero della salute Pierpaolo Sileri che ha potuto personalmente parlare con l’anziano professore

Il Garante nazionale per le persone private della liberta incontra Carlo Gilardi. “Il suo desiderio è di ritornare a una vita libera”
Attualità Meratese, 03 Maggio 2021 ore 14:21
Ieri, domenica 2 maggio 2021, il Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà si è recato presso la Rsa “Airoldi e Muzzi” di Lecco per incontrare il signor Carlo Gilardi che è ospite della struttura dal 30 ottobre 2020.L’organismo statale indipendente era già intervenuto a febbraio sulla vicenda che da mesi infiamma l’opinione pubblica lecchese e ieri  il Presidente Mauro Palma e  la dottoressa Gilda Losito, responsabile dell’Unità operativa “Privazione della libertà nell’ambito delle strutture sanitarie, socio-sanitarie e assistenziali” del Garante nazionale, hanno visto con loro occhi il pensionato con il quale hanno anche avuto un colloquio riservato. Non solo ma nel corso del colloquio è stato anche stabilito un contatto telefonico con il Sottosegretario di Stato al Ministero della salute Pierpaolo Sileri che ha potuto personalmente parlare con l’anziano professore.

Il Garante nazionale per le persone private della liberta incontra Carlo Gilardi. “Il suo desiderio è di ritornare a una vita libera”

“La visita ha fornito la possibilità di verificare la sussistenza di adeguate condizioni di accoglienza, pur confermando il contesto – ribadito in molteplici occasioni dal signor Gilardi – della sua ferma e persistente opposizione alla propria permanenza nella struttura – si  legge nella nota del Graante –  Si tratta di una situazione che evidenzia il conflitto tra la volontà della persona e le decisioni adottate in ragione di una sua tutela e che finisce col determinare una privazione di fatto della sua libertà personale. Il desiderio, ribadito anche nel corso del colloquio, è di ritornare a una vita libera e agreste in quello da lui riconosciuto come proprio ambiente di vita” .

“Seri problemi relativamente ai diritti fondamentali di libertà”

E ancora “Indipendentemente da polemiche e dal risalto mediatico della vicenda, il Garante nazionale ritiene che il perpetuarsi di una situazione che limita, di fatto, la possibilità di autodeterminazione di una persona, senza l’effettiva costruzione di percorsi che possano condurre a un graduale e supportato ritorno al proprio contesto abitativo e di vita, ponga seri problemi relativamente ai diritti fondamentali di libertà e non sia ulteriormente sostenibile. A prescindere, oggi, da ogni valutazione sulle ragioni che hanno portato alle iniziali decisioni circa il trasferimento nella struttura e senza alcuna interferenza su altre procedure di natura penale in corso, è opinione del Garante nazionale che si debba giungere a soluzioni che ristorino tutti i soggetti coinvolti, riconducano a normalità anche la stessa vita della residenza sanitaria e soprattutto restituiscano i propri incomprimibili margini di libertà al signor Gilardi. Così recuperando il concetto di supporto che deve contraddistinguere l’azione delle figure di sostegno; azione mai sostitutiva della volontà della persona da tutelare e che, contrariamente a quanto avvenuto nel caso specifico, dovrebbe prevedere l’inserimento in istituzioni residenziali solo come misura da adottare dopo che tutte le altre vie siano state inutilmente esperite”.

Il sopralluogo alla casa dove Gilardi vorrebbe tornare

Non solo la l’incontro all’Airoldi e Muzzi. Il Garante nazionale ha visitato anche la casa di Cerè dove il signor Gilardi aspira a ritornare.
“A seguito della visita effettuata è apparso evidente che, al momento, nessuna azione è stata avviata per la restituzione di quegli ambienti a condizioni di salubrità e di effettiva abitabilità attualmente inesistenti; si tratta di una tappa ineludibile e preliminare da avviare senza indugio, dato il troppo tempo già trascorso. Con altrettanta urgenza, il servizio sociale territoriale, con il pieno coinvolgimento del signor Gilardi, e in raccordo con l’amministrazione di sostegno e le figure di prossimità, dovrà predisporre il progetto abitativo e i relativi sostegni per l’inclusione necessari a garantire il rientro del signor Gilardi nella propria abitazione e nella propria comunità di riferimento”.
Necrologie