Attualità
Preoccupazione

Ferrovia Colico-Tirano chiusa per 75 giorni, Cgil: "Rischia di essere un disastro"

Si parla di 70km di linea su cui quotidianamente si prevedono 64 corse

Ferrovia Colico-Tirano chiusa per 75 giorni, Cgil: "Rischia di essere un disastro"
Attualità Lago, 31 Maggio 2022 ore 16:35

A partire dal 26 giugno e per una durata stimata di 75 giorni, RFI ha previsto la chiusura completa della tratta ferroviaria che collega Colico a Tirano per lavori di manutenzione. Si parla di 70km di linea su cui quotidianamente si prevedono 64 corse di treni, che dovranno quindi essere rimpiazzati da bus sostitutivi.  Un provvedimento che ha suscitato la preoccupazione della Filt CGIL Lecco. "Diversi sono gli aspetti poco chiari dell’iniziativa per i quali vorremmo delle risposte da parte di RFI, in qualità di mandataria della lavorazione in oggetto" sottolinea  il segretario Andrea Frangiamore.

Ferrovia Colico-Tirano chiusa per 75 giorni

"Vorremmo innanzitutto capire perché i lavori da effettuare (sostituzione delle rotaie), che sono in realtà di routine, comportano in questo frangente specifico ben 75 giorni di chiusura completa della linea, quando potrebbero essere eseguiti nelle ore notturne come avviene di norma, tanto più se venisse confermata la notizia che sul mercato non sarà disponibile la quantità di materiale necessaria a completare tutta la tratta - spiegano dalla Camera del Lavoro Lecchese -  In secondo luogo, RFI dovrebbe esplicitare come intende affrontare i disagi causati in termini di viabilità da questo stop così prolungato".

Il sindacato ha fatto anche i conti su cosa possa significare sostituire il trasporto su ferro con quello si gomma... "Considerando che i treni diretti necessitano di 3-5 bus sostitutivi, se si moltiplicano questi numeri per le 64 corse giornaliere di cui sopra si ha un totale di 120 corse autobus che per oltre due mesi intaseranno le strade, senza contare poi i mezzi pesanti che dovranno trasportare i prodotti aziendali in sostituzione dei treni merci (ad esempio la Levissima)".

Colico-Tirano: senza treni: le conseguenze sul traffico della Statale 36 e della Statale 38

"Questo ingente aumento del flusso di autoveicoli e autotrasporti sulla Superstrada 36 e 38 non potrà che avere pesanti ricadute sia da un punto di vista ambientale, con un incremento dell’inquinamento nelle zone dell’alto lago e della Valtellina, che per la stagione turistica, inevitabilmente compromessa, oltre a pesanti risvolti sulla vita dei pendolari - specificano dalla Cgil - Infine, vorremmo capire quali saranno le implicazioni per i lavoratori normalmente attivi sulla tratta, che a oggi non hanno garanzie su come saranno impiegati e su quali mansioni saranno loro assegnate. Siamo in attesa di conoscere il piano dell'azienda, ma è probabile che ci saranno parecchi esuberi temporanei di personale e che le ferie fruibili non saranno sufficienti a coprire l’intero periodo di inattività".

Il  segretario Andrea Frangiamore: "Rischia di essere un disastro"

"Ci sembra incredibile che un tema tanto delicato come quello della chiusura dell’unico tratto di ferrovia che attraversa il nostro territorio passi così in sordina. Siamo preoccupati, oltre che per i lavoratori - su cui non ci è stata data ancora garanzia rispetto agli strumenti da utilizzare in relazione a ferie, cassa integrazione, trasferimenti temporanei o “altro” - anche per i pendolari e la stagione turistica. Ci saranno poi gravi ripercussioni ambientali, che nel 2022 dovrebbero essere una questione al centro dell’attenzione. E’ assurdo che non ci sia un dibattito su questo tema tra le istituzioni pubbliche: RFI e la politica del territorio si assumano le responsabilità di quello che oggi si rappresenta come un disagio, ma che rischia di essere un disastro per l’intera Valle, per chi la vive e per chi ci vorrebbe venire in vacanza".

FILT CGIL Lecco, unitamente a quella di Sondrio, si impegnerà a richiedere un tavolo di confronto sindacale sul tema a RFI presso le sedi opportune.

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie