Emergenza sanitaria

Coronavirus: consegne a domicilio? I chiarimenti della Prefettura

Le consegne a casa dei generi non di prima necessità sono concesse?

Coronavirus: consegne a domicilio? I chiarimenti della Prefettura
Meratese, 31 Marzo 2020 ore 09:10

A causa della emergenza Corinavirus ricevere  cibo e  farmaci  a casa, senza dover necessariamente  uscire, è diventato fondamentale. Da una parte perchè è opportuno ridurre ai minimi termini spostamenti e contatti sociali. Dall’altra perchè le persone in quarantena non hanno altro modo per approvvigionarsi. Nel Lecchese i negozi che effettuano consegne a domicilio si sono fortunatamente moltiplicati. Ma per tutti gli altri prodotti?  Le consegne sono concesse? Sono davvero tanti i dubbi che insorgono in questo periodo. In merito alla questione è intervenuta nelle scorse ore la Prefettura di Lecco.

LEGGI ANCHE PrimaMerate, il nuovo sito del territorio

Coronavirus: consegne a domicilio? La Prefettura di Lecco fa chiarezza

Ecco il chiarimento dell’Ufficio territoriale del Governo

I negozi e gli altri esercizi di commercio al dettaglio che vendono prodotti diversi da quelli alimentari o di prima necessità e che quindi sono temporaneamente chiusi al pubblico, POSSONO proseguire le vendite effettuando consegne a domicilio, nel rispetto dei requisiti igienico sanitari sia per il confezionamento che per il trasporto, SENZA riapertura del locale. Chi organizza le attività di consegna a domicilio – lo stesso esercente o una cd. piattaforma – deve evitare che al momento della consegna ci siano contatti personali a distanza inferiore a un metro.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia