Scuola

Studenti di Monticello al lavoro sulla storia di Rosalind Franklin, la chimica che scoprì la struttura del DNA VIDEO

Ecco il bel lavoro dei ragazzi del Liceo linguistico Alessandro Greppi 

Casatese, 05 Giugno 2020 ore 10:33

 

Si è concluso il laboratorio creativo “SULLE TRACCE DI…..Rosalind Franklin” rivolto agli studenti lombardi per ricordare una delle scienziate più importanti del Novecento. Il laboratorio, coordinato dalla Presidente di PACTA dei Teatri, Maria Eugenia D’Aquino rientra nell’ambito del progetto STEMintheCity 2020, l’iniziativa promossa dal Comune di Milano per diffondere la cultura STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics) alla quale hanno aderito il Consiglio delle Pari Opportunità della Lombardia e l’Osservatorio Astronomico di Brera, Inaf.
Gli studenti di quattro istituti scolastici, il Liceo ” Enrico Fermi ” di Cantù (CO), il Liceo linguistico Alessandro Greppi  di Monticello. la scuola Professionale d’Arte Muraria e il Liceo Classico Berchet di Milano, lavorando in team nei mesi scorsi senza potersi incontrare di persona per l’emergenza coronavirus e sfruttando al meglio le tecnologie a loro disposizione, hanno realizzato quattro video sulla storia di Rosalind Franklin, la chimica che ha scoperto la struttura a doppia elica del DNA, il cui lavoro non venne riconosciuto in vita. Nel 1962, infatti, il Nobel per questa scoperta fu assegnato a Crick e Watson che elaborarono il modello della molecola genetica grazie al furto della famosa “Photograph n.51”, un’immagine di diffrazione a raggi X del DNA scattata da Rosalind Franklin. Diversi gli stili utilizzati dai ragazzi, dal racconto ai disegni, dalla poesia ai fumetti.

LEGGI ANCHE La Provincia investe oltre un milione di euro per sistemare l’istituto Fumagalli di Casatenovo

Studenti di Monticello al lavoro sulla storia di Rosalind Franklin, la chimica che scoprì la struttura

Ecco il video realizzato dagli studenti di Monticello

 

                                                                                          
Sono piacevolmente sorpresa della qualità dei lavori dei ragazzi – ha dichiarato Letizia Caccavale, Presidente del CPO – che hanno saputo cogliere lo spirito e la grandezza di Rosalind Franklin. Il nostro Consiglio è a fianco di iniziative come questa, volta a riaffermare il valore delle donne e a riconoscerne il merito. In Italia sono ancora poche le donne, solo il 17%, laureate nelle discipline accademiche legate allo STEM che, negli ultimi anni, hanno registrato un aumento delle opportunità occupazionali sia in termini di professioni proiettate nel futuro sia di riconoscimenti economici”.
Il laboratorio creativo – ha affermato Anna Maria Passaggio, Consigliera del CPO – è stato un importante momento di riflessione per i più giovani su figure di spicco che hanno cambiato la storia. La celebre frase di Rosalind Franklin “Scienza e vita di tutti i giorni non possono e non devono essere separate” è un messaggio estremamente attuale, una pratica da proseguire, così come hanno colto i ragazzi nei loro video. Al CPO riteniamo che la scuola e la famiglia siano luoghi di fondamentale importanza per il superamento di quegli stereotipi di comportamento che possono condurre alla separazione di genere tra gli adulti. È partendo dalle attività di formazione che si possono fornire non solo le conoscenze necessarie per affrontare la vita nella quotidianità, ma anche un sostegno nella ricerca e nel consolidamento dell’identità individuale e collettiva”.
Oltre alla Presidente Letizia Caccavale, e ad Anna Maria Passaggio, fanno parte del CPO Francesca Zajczyk, Donata Bertazzi, Paola Macchi, Ilaria Nascimbene e Camilla Sartori.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia