Regione Lombardia

Fase 2: il Consiglio regionale approva la risoluzione

Respinta dall’Aula la proposta di Risoluzione presentata da Partito Democratico e +Europa, che chiedeva l’istituzione di un Commissario per la sanità territoriale lombarda e di un “recovery bond” regionale per finanziare la ripartenza.

Fase 2: il Consiglio regionale approva la risoluzione
Meratese, 21 Aprile 2020 ore 16:09

Via libera a scrutinio segreto in Consiglio regionale con 43 voti a favore, 25 contrari e 1 astenuto alla Risoluzione illustrata dal Presidente della Commissione Attività produttive Gianmarco Senna (Lega), con la quale vengono forniti alla Giunta regionale linee guida, indirizzi e contributi per gestire e attuare la cosiddetta “fase 2” dell’emergenza creata dalla diffusione del Covid-19. Hanno annunciato il loro voto a favore i gruppi di maggioranza, contrari PD, M5Stelle, Lombardi Civici Europeisti e +Europa, mentre Patrizia Baffi (Italia Viva) si è pronunciata per l’astensione.

LEGGI ANCHE Elezioni rinviate a Calco, La Valletta e in altri cinque Comuni del Lecchese

Coronavirus: il Consiglio Regionale approva la risoluzione sulla Fase 2

Il documento approvato sollecita interventi e indica misure e provvedimenti dettagliati utili a favorire la ripresa e la ripartenza della società lombarda in tutti i suoi vari ambiti, da quello economico e produttivo a quello più propriamente attinente la fase familiare ed educativa, nonché quella sanitaria e assistenziale.
Si tratta di un documento fondamentale, frutto di un lavoro importante, articolato e approfondito su quella che possiamo senza dubbio definire la Risoluzione dell’emergenza e della ripartenza della società –ha sottolineato Gianmarco Senna-. Avanziamo proposte di buonsenso, fattive e concrete per fare ripartire non solo la nostra regione, ma l’intero Sistema Paese, accogliendo anche alcuni emendamenti delle minoranze: mi auguro che anche il Governo nazionale le legga con attenzione e ne tenga conto per rilanciare l’Italia avvalendosi della competenza lombarda”.
“E’ un documento importante e ricco di spunti e contenuti significativi, a cui tutti i gruppi consiliari hanno dato un apporto importante al di là dell’espressione di voto finale –ha evidenziato il Presidente del Consiglio regionale Alessandro Fermi-. In questo delicato momento di difficile tenuta e coesione sociale auspico che prevalga da parte di tutti un grande e forte senso di responsabilità istituzionale: dobbiamo riuscire a elaborare insieme, maggioranza e minoranza, Giunta e Consiglio, strategie il più possibile condivise e all’interno delle quali ognuno deve essere messo nelle condizioni di poter dare un contributo costruttivo a facilitare il ritorno alla normalità”.

LEGGI ANCHE Area filtro prima di entrare nelle strutture sanitarie: da oggi misurazione della febbre nei presidi

Il documento sulla Fase 2 nel dettaglio

Nel dettaglio, la Risoluzione approvata oggi in Consiglio regionale impegna il Presidente e la Giunta regionale a farsi portavoce presso il Governo ed in ogni sede istituzionale:
al fine di sostenere l’adozione di idonee misure di sostegno atte a garantire la continuità dell’offerta educativa di asili nido e scuole materne, pubbliche e private, attualmente gravate dall’interruzione delle attività e la conseguente sospensione della corresponsione delle rette da parte delle famiglie, garantendo altresì la continuità della misura “nidi gratis” regionale;

per sostenere l’attività emergenziale delle reti, dei centri antiviolenza e delle case rifugio, anche attraverso la richiesta di risorse finalizzate ad implementare azioni di sostegno nei confronti di donne e minori in stato di difficoltà a causa del virus COVID-19;

affinché sia incrementato il fondo delle non autosufficienze, considerata la sua inadeguatezza dimostrata già anche in situazione di normalità;

affinché sia incrementato il Fondo Nazionale per le Politiche Sociali, al fine di poter fronteggiare l’aumentato carico dei servizi socioassistenziali richiesti dal territorio e per continuare a garantire i livelli di programmazione consolidati negli anni;

per valutare la possibilità di adottare l’IVA agevolata al 4% sugli acquisti di strumentazione necessaria alla gestione dell’emergenza e specialmente per i DPI;

per chiedere l’adozione di azioni concrete a vantaggio del personale sanitario con riferimento alle retribuzioni anche mediante la previsione di sgravi fiscali;

affinché sia concessa una maggiore autonomia nel coordinamento dei MMG e PLS, per ricondurli a tutti gli effetti quali dipendenti del sistema sanitario regionale;

con riferimento alle misure post emergenza, per il reperimento dei reagenti necessari per continuare ad incrementare il numero dei tamponi nasofaringei, anche identificando ulteriori laboratori universitari e laboratori accreditati idonei;

Nel dettaglio, la Risoluzione approvata oggi in Consiglio regionale impegna il Presidente e la Giunta regionale a farsi portavoce presso il Governo ed in ogni sede istituzionale:
al fine di sostenere l’adozione di idonee misure di sostegno atte a garantire la continuità dell’offerta educativa di asili nido e scuole materne, pubbliche e private, attualmente gravate dall’interruzione delle attività e la conseguente sospensione della corresponsione delle rette da parte delle famiglie, garantendo altresì la continuità della misura “nidi gratis” regionale;

per sostenere l’attività emergenziale delle reti, dei centri antiviolenza e delle case rifugio, anche attraverso la richiesta di risorse finalizzate ad implementare azioni di sostegno nei confronti di donne e minori in stato di difficoltà a causa del virus COVID-19;

affinché sia incrementato il fondo delle non autosufficienze, considerata la sua inadeguatezza dimostrata già anche in situazione di normalità;

affinché sia incrementato il Fondo Nazionale per le Politiche Sociali, al fine di poter fronteggiare l’aumentato carico dei servizi socioassistenziali richiesti dal territorio e per continuare a garantire i livelli di programmazione consolidati negli anni;

per valutare la possibilità di adottare l’IVA agevolata al 4% sugli acquisti di strumentazione necessaria alla gestione dell’emergenza e specialmente per i DPI;

per chiedere l’adozione di azioni concrete a vantaggio del personale sanitario con riferimento alle retribuzioni anche mediante la previsione di sgravi fiscali;

affinché sia concessa una maggiore autonomia nel coordinamento dei MMG e PLS, per ricondurli a tutti gli effetti quali dipendenti del sistema sanitario regionale;

con riferimento alle misure post emergenza, per il reperimento dei reagenti necessari per continuare ad incrementare il numero dei tamponi nasofaringei, anche identificando ulteriori laboratori universitari e laboratori accreditati idonei;

 

No al Commissario per la sanità territoriale lombarda

Respinta dall’Aula la proposta di Risoluzione presentata da Partito Democratico e +Europa, che chiedeva l’istituzione di un Commissario per la sanità territoriale lombarda e di un recovery bond” regionale per finanziare la ripartenza. Nella proposta di PD e +Europa, il piano, gestito dal Commissario, avrebbe dovuto prevedere: esecuzione dei tamponi rino-faringei a tutti i sanitari esposti a maggior rischio, a ospiti e personale delle RSA, a tutti i malati che presentino infezione respiratoria acuta, e provvedere a far sì che tutte queste categorie siano dotate di dispositivi di protezione;  incremento esponenziale della capacità di fare tamponi, autorizzando nuovi laboratori e, se necessario, obbligando in via autoritativa i laboratori privati a processare i test; esecuzione dei test sierologici, validati dall’Istituto Superiore di Sanità, a tutti i lavoratori che svolgono servizi essenziali e poi a tutta la popolazione lombarda; incremento delle Unità speciali di continuità territoriale fino al numero previsto dalla normativa nazionale, mettendo i medici di medicina generale in condizione di operare in sicurezza, con protezioni e telemedicina; sanificazione di tutti gli ospedali e delle RSA.

LEGGI ANCHE Triplicate le auto sulle Lecco-Bergamo: “Rischiamo di avere ancora il virus in casa”

Per la ripresa economica, il Piano di sviluppo economico avrebbe dovuto contemplare la richiesta al Governo di istituire un “Recovery Bond” lombardo per trovare le risorse per finanziare la ripartenza dell’economia, riprogrammando i Fondi europei  “perché sostengano in modo straordinario le categorie economiche, i Comuni e le famiglie per affrontare la crisi e uscirne prima e meglio possibile

Contenute in due ordini del giorno le proposte del Movimento 5Stelle, che ha chiesto anche specifiche misure per finanziare i big data, le green economy, le smart city e l’agrifood, per potenziare e ammodernare i laboratori biomedici di ricerca e diagnosi, per sostenere e implementare la formazione digitale e la didattica a distanza, la digitalizzazione dei sistemi, la facilitazione dell’erogazione della liquidità a supporto soprattutto delle imprese in difficoltà, la sperimentazione di nuovi progetti di telemedicina e teleassistenza per pazienti domestici e per finanziare progetti strategici di ricerca industriale e di sviluppo. Il Movimento 5Stelle ha infine sollecitato l’istituzione di una Commissione speciale che metta mano alla riorganizzazione del servizio sanitario regionale, alla luce soprattutto dell’esperienza e dell’emergenza di queste ultime settimane.  


La votazione finale è stata preceduta da un lungo e articolato dibattito sulle possibili strategie da mettere in campo per superare l’emergenza attuale, che ha visto gli interventi di numerosi Consiglieri regionali di maggioranza e minoranza: approvati anche diversi emendamenti e alcuni ordini del giorno presentati da esponenti di maggioranza e minoranza. Sono stati votati complessivamente 173 emendamenti, 4 subemendamenti e 11 ordini del giorno.

 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia