Caduto in strada

Merate, forte vento: pianta sradicata si abbatte sulla strada FOTO

Fortunatamente nessuno è rimasto ferito, gli ambulanti del mercato hanno chiuso di fretta e furia le bancarelle.

Merate, forte vento: pianta sradicata si abbatte sulla strada FOTO
Meratese, 03 Febbraio 2020 ore 12:30

A Merate a causa del forte vento una pianta è stata sradicata e si è abbattuta sulla strada.

L’annunciato forte vento, che ha spinto la sala operativa della Protezione civile regionale ad emettere un bollettino di allerta meteo di codice arancione, sta “spazzando” la provincia di Lecco da nord a sud.  Diversi gli interventi dei Vigili del Fuoco, anche in città e in particolare in viale Turati per alcune lamiere volate. Tra questi il più “impegnativo” è stato effettuato a Merate per la pianta caduta. Non solo ma i pompieri si sono mobilitati anche per alberi pericolanti sulla vecchia Lecco-Ballabio e per un cancello divelto nella frazione lecchese di Rancio.

LEGGI ANCHE Ancora vento forte: resta l’allerta arancione

Merate, forte vento sradica pianta che si abbatte sulla strada FOTO

L’albero, situato all’interno di una villa privata che si affaccia sul laghetto di San Rocco, è franato in strada ostruendo via San Rocco, l’arteria che collega Lecco e Imbersago e in particolare le località di Sartirana e Sabbione.

4 foto Sfoglia la gallery

Nessuno è rimasto ferito: fortunatamente in quel momento nessuna auto stava transitando.

Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco di Merate che hanno lavorato per sgombrare l’arteria e mettere in sicurezza l’area. La pianta sradicata dal forte vento e le conseguenti operazioni di rimozione hanno provocato il rallentamento del traffico.

Ambulanti “scappano” dal mercato

E le conseguenze del forte vento non finiscono qui. Sempre a Merate gli ambulanti del mercato hanno chiuso di fretta e furia le bancarelle. Troppo forti le raffiche per poter continuare a lavorare normalmente.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia