Virus ed economia

Confindustria Lecco e Sondrio sul Decreto Cura Italia: “Una buona partenza. Ma serve di più”

"Le misure a sostegno delle imprese e del lavoro contenute nel Decreto dimostrano lo sforzo del Governo, ma non bastano: le dimensioni dell’emergenza e le sue conseguenze rendono indispensabili altri interventi".

Confindustria Lecco e Sondrio sul Decreto Cura Italia:  “Una buona partenza. Ma serve di più”
Meratese, 19 Marzo 2020 ore 18:52

È entrato in vigore il Decreto Legge 18/2020 “Cura Italia” che prevede una serie di misure per contrastare gli effetti negativi dell’emergenza Coronavirus. Fra i capitoli più rilevanti, quelli in materia di sanità, lavoro, liquidità e fisco.

LEGGI ANCHE Coronavirus: ecco nel dettaglio il Decreto #curaitalia

“Il Governo ha previsto misure necessarie, intervenendo sui capitoli strategici per consentire una prima reazione alle maggiori criticità emerse – evidenzia il Presidente di Confindustria Lecco e Sondrio, Lorenzo Riva. Vediamo quindi uno sforzo da parte delle Istituzioni e l’intenzione di sostenere il sistema economico del Paese nel contrastare gli effetti potenzialmente devastanti della pandemia. Ci sono però diversi aspetti sui quali è necessario un nuovo e più incisivo intervento, da attuare comunque senza attesa. Va senz’altro bene pensare al settore turismo, ma dobbiamo anche salvaguardare la parte produttiva che è la spina dorsale del Paese. Ad esempio, nel Decreto non vediamo misure di sostegno per le grandi aziende e per le Mid Cap, che vanno inserite in un successivo intervento”.

Confindustria Lecco e Sondrio sul Decreto Cura Italia “: “Una buona partenza. Ma serve di più”

LEGGI ANCHE Coronavirus: chiusura scuole anche oltre il 3 aprile, il Governo ci pensa VIDEO

 

“È essenziale che l’azione di contrasto all’emergenza sia massiva da un punto di vista delle risorse, che devono essere ancora più rilevanti per consentire di affrontarne le conseguenze, prima che diventino irreversibili – continua Lorenzo Riva. Serve nel breve un piano più ampio, definito e noto da subito, per sostenere maggiormente le imprese che, senza dubbio, dovranno far fronte ai cali della domanda privata e quindi di fatturato”.

 

“Fin dall’inizio di questa emergenza io stesso sono stato fra quanti segnalavano che un evento di tale portata andava necessariamente affrontato con un ruolo deciso da parte dell’Europa, che in questi ultimi giorni ha finalmente preso alcune posizioni che vanno nella giusta direzione, ma anche da qui attendiamo azioni molto più incisive” – conclude Lorenzo Riva.

“Tutte le imprese, che con i loro collaboratori stanno affrontando questo periodo con grande coraggio, erano in attesa di avere conferma dei provvedimenti contenuti nel Decreto per poter gestire al meglio la situazione – evidenzia il Direttore Generale di Confindustria Lecco e Sondrio, Giulio Sirtori. Ovviamente anche l’accesso alle misure del Decreto Legge, così come l’applicazione del protocollo per la salute e sicurezza, devono essere declinati sulla base delle diverse caratteriste produttive e organizzative. Come Associazione, impegnandoci per avere un grado di attenzione ancora più alto di quello che sempre adottiamo, stiamo lavorando in squadra e mettendo in sinergia le competenze per fornire tempestivamente informazioni e rispondere in modo puntuale ad ogni tipo di esigenza da parte delle aziende del territorio”.

TORNA ALLA HOME PAGE 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia