Menu
Cerca
Fra i locali top

Birreria Cassina nell’olimpo dei locali: è entrata nella guida di Slow Food

Un grandissimo onore per il locale di Alex Beretta a Cassina Fra Martino, a due passi da Merate.

Birreria Cassina nell’olimpo dei locali: è entrata nella guida di Slow Food
Economia Meratese, 14 Luglio 2020 ore 17:11

C’è poco da dire, in tema di birre, è la pubblicazione più autorevole in assoluto. La “Guida alle birre d’Italia” edita da Slow Food resta il punto di riferimento, non solo per capire quali sono i produttori migliori a livello artigianale, ma anche per individuare quali sono i locali birrari di più alto lignaggio in tutto lo Stivale. E fra questi, da quest’anno, ne è entrato uno proprio tutto “nostro”: la Birreria Cassina di Cassina Fra Martino, a due passi da Merate. E’ infatti entrata nell’edizione fresca di rotative, quella dedicata al 2021.

Birreria Cassina nella guida di Slow Food

Un grandissimo onore per il locale di Alex Beretta, che ormai otto anni fa ha deciso di prendere le redini della storica osteria nel cuore del borgo fra le colline (direttamente dalle mani del mitico “Mister”). Un nuovo corso che ha cambiato letteralmente volto all’attività, che ora ha un’impronta birraria ben marcata: per il missagliese Beretta la birra, infatti, non è una bevanda qualunque… tanto che pochi mesi fa, appena prima dello scoppio della pandemia, il 38enne publican si è addirittura laureato biersommelier alla scuola più importante a livello internazionale, l’Accademia Doemens di Monaco di Baviera (dove s’è formato anche il collega bergamasco Simonmattia Riva, finora il primo italiano a vincere il titolo di campione del mondo dei biersommelier).

Alex dietro le spine

“Guida alle birre d’Italia 2021”, i produttori

Insomma, un nuovo locale d’eccellenza (brassicolmente parlando) nel nostro territorio, ma nell’elenco stilato da Slow Food ci sono anche importante conferme fra i birrifici: la “chiocciola”, il riconoscimento più ambito (ne sono state assegnate solo 34 in tutta Italia), è andata in Lombardia a Elav (Comun Nuovo, BG), Birrificio Rurale (Desio, Mb), Birrificio Italiano (Limido Comasco, Co), Lambrate (Milano), Carrobiolo (Monza), e infine il pluripremiato birrificio Hammer di Villa d’Adda, nell’Isola bergamasca sempre seguita dal nostro giornale. Ma non è finita. In provincia di Lecco, anche il Birrificio Lariano di Sirone è entrato nella guida, non nelle chiocciole, ma nella categoria successiva, le “eccellenze”.

NON PERDERTI ANCHE: Tutti i brand d’eccellenza nella “Guida alle birre d’Italia 2021”

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Necrologie
Idee & Consigli