Cronaca
L'omaggio della Carista

Suor Luisa Dell'Orto: un “muro virtuale” per ricordarla e ringraziala

Gualzetti: "Ci mancherà. Ma la sua eredità operativa, materiale e spirituale non si inaridirà. Faremo di tutto perché continui a portare nuovi frutti per lo sfortunato e vitale popolo di Haiti"

Suor Luisa Dell'Orto: un “muro virtuale” per ricordarla e ringraziala
Cronaca Meratese, 27 Giugno 2022 ore 16:58

"Proprio oggi avrebbe compiuto 65 anni. Una mano assassina sabato  le ha impedito di festeggiare, due giorni prima della ricorrenza. Soprattutto, però, l’ha sottratta alla relazione con i tanti che la stimavano e l’amavano. E che con lei collaboravano. Per la diffusione del Vangelo. La promozione degli ultimi. La tutela e il futuro dei piccoli". Un ricordo toccante e commosso quello di suor Luisa Dell’Orto tratteggiato da  Caritas Ambrosiana e Caritas Italiana.

Dolore senza fine per la violenta  scomparsa di suor Luisa Dell'Orto

I sodalizi infatti collaboravano ormai da un decennio con la religiosa , Piccola sorella del Vangelo di Charles de Foucauld, originaria di Lomagna, da 20 anni attiva ad Haiti, dopo esperienze missionarie in Camerun e Madagascar. L’avevano conosciuta dopo il devastante terremoto che aveva colpito il paese caraibico all’inizio dello scorso decennio.

4 foto Sfoglia la gallery

Ne era scaturito un lavoro comune su più fronti: il consolidamento della rete pastorale e sociale (con progetti volti al rafforzamento della rete delle Caritas diocesane e territoriali), la promozione del volontariato (con l’invio da Milano e dall’Italia di volontari in servizio civile e la conduzione, in altrettante estati, di 6 Cantieri della solidarietà) e soprattutto l’educazione (affiancando e formando i giovani animatori del centro di aggregazione Kay Chal, di cui suor Luisa era il perno e l’anima, rivolto a minori, giovani e restavek, i baby-schiavi domestici delle baraccopoli della capitale Port-au-Prince, e finanziando successivamente insieme a Caritas Italiana la costruzione del nuovo centro).

Il ricordo di Luciano Gualzetti, direttore di Caritas Ambrosiana

"Suor Luisa – sostiene Luciano Gualzetti, direttore di Caritas Ambrosiana – era l’incarnazione autentica di quelle donne che, come ha detto l’arcivescovo Mario Delpini, “percorrono le strade più pericolose del mondo e abitano le case più indifese” ma non “vanno a cercare pericoli”, bensì “vanno per diventare preghiera, offerta, amicizia, seme che muore per portare frutto” e annunciare il Vangelo. Una donna giusta, coraggiosa, lucida, determinata, concreta. Oggi “martire della carità”, come non ha esitato a definirla papa Francesco. Per noi era un riferimento irrinunciabile, in una delle terre più complicate, povere e violente del mondo. Ci mancherà. Ma la sua eredità operativa, materiale e spirituale non si inaridirà. Faremo di tutto perché continui a portare nuovi frutti per lo sfortunato e vitale popolo di Haiti».

Un “muro virtuale” per ricordare e ringraziate suor Luisa Dell'Orto

Ai tanti operatori e volontari ambrosiani, italiani e haitiani che lungo un decennio hanno collaborato con suor Luisa nell’ambito dei numerosi progetti comuni, Caritas Ambrosiana ha chiesto di formulare una testimonianza. Ne è scaturita una pagina del sito di Caritas Ambrosiana destinata a popolarsi, nei prossimi giorni, di pensieri, ricordi, ringraziamenti, con testi, foto e contributi vocali. Un “muro” virtuale, che è un primo modo per rendere viva la memoria di una donna eccezionale, amante del Vangelo e dei fratelli che la vita ha posto sulla sua strada.

Una delle più belle persone incrociate nel mio cammino, di Lisa Thibault

Una persona fuori dal comune, di Silvia Motta

Ci conoscemmo dopo il terremoto, di Davide Boniardi

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie