Proposte a confronto

Ponte di Paderno chiuso: prime “lamentele” tra bergamaschi e lecchesi

"Sappiamo come funziona in Italia: ad un problema reale si applica una soluzione fittizia. E ci si trova con un tappabuchi".

Ponte di Paderno chiuso: prime “lamentele” tra bergamaschi e lecchesi
Meratese, 25 Settembre 2018 ore 08:50

Ponte di Paderno chiuso: code alla mattina, code alla sera. Treni perennemente in ritardo. Una situazione pronta ad  esplodere come una pentola a pressione. Scattano i primi “litigi” tra bergamaschi e lecchesi… E i cittadini subiscono i disagi. Infatti mentre le Amministrazioni comunali propongono diverse idee per risolvere la situazione il traffico, in questi giorni, è persino peggiorato.

Il ponte di barche: un tappabuchi

I sindaci di Villa d’Adda e Calusco hanno proposto Rfi l’idea  di costruire, in via provvisoria, un ponte di barche come quelli esistenti in altre zone d’Italia, ad esempio lungo il Ticino pavese.

Le Amministrazioni comunali della sponda meratese, tuttavia, hanno subito imposto il loro veto su questa proposta avanzata a seguito del sopralluogo svolto dai tecnici: “Provocherebbe un danno ambientale  e spingerebbe Rfi a rallentare i lavori sul ponte  di Paderno”. Conciso ad esempio il sindaco Felice Airoldi: “Sappiamo come funziona in Italia: ad un problema reale si applica una soluzione fittizia. Poi non ci si preoccupa più di trovarne una reale e ci si trova a convivere con un tappabuchi”.

La petizione del sindaco di Cisano

Il sindaco di Cisano lancia una raccolta firme per recuperare il progetto di collegamento tra il Boschetto e Arlate.

Ma non solo. Oltre a lanciare la petizione per il nuovo ponte, il sindaco di Cisano Andrea Previtali, ha preso carte e penna e ha scritto una lettera di protesta contro i repentini disservizi avvenuti sulla linea ferroviaria Lecco-Bergamo.

Lamentele anche da Olginate

Critica anche la voce che si è alzata da Olginate. Infatti il sindaco Marco Passoni si è lamentato del fatto che il Comune non sia stato invitato al vertice in Prefettura.

Eppure le ricadute della chiusura del ponte di Paderno si fanno sentire anche nel calolziese e dell’olgintaese non fosse altro per il fatto che il traffico ultra pesante è stato bloccato sul ponte di Brivio e deviato invece sul Cantù.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia