Regione Lombardia

“Le Linee guida sulla scuola del Governo sono irricevibili” ECCO LE PROPOSTE

"Non possiamo continuare a lasciare le famiglie, gli insegnanti e gli studenti nell'incertezza scolastica"

“Le Linee guida sulla scuola del Governo sono irricevibili” ECCO LE PROPOSTE
Meratese, 25 Giugno 2020 ore 14:36

“Sulla scuola il Governo mi lascia perplesso, non prende decisioni, non si assume le responsabilità costituzionali del compito, si limita nell’incertezza ad un confronto con le Regioni”. Lo scrive il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, sulla sua pagina Facebook.

LEGGI ANCHE Scenari di riapertura delle scuole a settembre a Lecco: asili solo al mattino, niente mensa alle elementari, secondarie solo metà in classe

 “Le Linee guida sulla scuola del Governo sono  irricevibili”

“Ieri sera ho avuto l’ennesimo incontro in videoconferenza con il Ministro Azzolina, nel pomeriggio ne seguirà un altro per fare il punto sulle proposte avanzate dalle Regioni. Le linee guida presentate dal Ministro qualche giorno fa non erano nella pratica ricevibili, i Governatori delle Regioni hanno dato le loro controproposte sperando che si concretizzi a livello centrale una linea programmatica risolutoria. Non possiamo continuare a lasciare le famiglie, gli insegnanti e gli studenti nell’incertezza scolastica del domani, i danni al Paese sono irreparabili. L’autonomia, anche nel settore della scuola, è la soluzione”.

La bozza

Ecco in sinesi cosa prevede la bozza del Governo

  1. riconfigurare il gruppo classe in più gruppi di apprendimento;
  2. articolare gruppi di alunni provenienti dalla stessa o da diverse classi o da diversi anni di corso;
  3. organizzare una frequenza scolastica in turni differenziati, anche variando l’applicazione delle soluzioni in relazione alle fasce di età degli alunni e degli studenti nei diversi gradi scolastici;
  4. per la secondaria di II grado, permettere una fruizione per gli studenti, opportunamente pianificata, di attività didattica in presenza e didattica digitale integrata, ove le opportunità tecnologiche, l’età e le competenze degli studenti lo consentano;
  5. aggregare le discipline in aree e ambiti disciplinari, ove non già previsto;
  6. estendere il tempo scuola settimanale anche al sabato.

 

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia