Tragedia

Le acque dell’Adda mietono un’altra vittima

Senza scampo un giovane di 21 anni.

Le acque dell’Adda mietono un’altra vittima
02 Luglio 2020 ore 17:52

Vigili del Fuoco, ambulanza e Carabinieri sono intervenuti poco fa a Vaprio d’Adda per prestare soccorso a un giovane risucchiato dalle  acque dell’Adda.

LEGGI ANCHE Faceva il barista il papà morto nell’Adda per salvare la figlia CHI E’ LA VITTIMA

Le acque dell’Adda mietono un’altra vittima

Come riportano o colleghi di primalamartesana.it  la tragedia si è consumata intorno alle 15.30 di oggi, giovedì 2 luglio 2020. Sul posto sono arrivati diversi mezzi dei Vigili del Fuoco, tra cui anche i sommozzatori. Con loro l’elisoccorso, un’ambulanza e l’automedica nel tentativo di prestare soccorso alla persona, un 21enne originario di Arcene,  avvistata all’interno delle acque dell’Adda.

Aveva tentato di attraversare l’Adda

Stando a quanto ricostruito dai Carabinieri, intervenuti sul posto insieme alla Polizia Locale, l’uomo si sarebbe calato all’interno delle acque dalla sponda bergamasca. Insieme a due amici ha attraversato  il fiume là dove il fondale è più basso, da Vaprio verso Canonica. Ma al ritorno della traversata, qualcosa è andato storto. Forse la forte corrente, forse l’imperizia, fatto sta che è stato risucchiato verso il fondo. Gli amici hanno tentato di tirarlo fuori, ma senza fortuna.

Inutili i tentativi di rianimarlo

Immediata la chiamata ai soccorritori con i sommozzatori che lo hanno ripescato più a valle all’altezza di un isolotto vicino alla diga. Stando a quanto raccontato dagli operatori, il corpo è stato rinvenuto a cinque metri di profondità.   I medici dell’elisoccorso e dell’ambulanza intervenuti sul posto hanno tentato di rianimarlo più volte, nella disperata speranza di salvargli la vita. Tentativi che però purtroppo si sono rivelati inutili.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia