Tema caldo

"Il Coronavirus non esiste più": le parole di Zangrillo scatenano il dibattito e le polemiche

Le parole del luminare di Missaglia, primario dell'Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione del San Raffaele di Milano, hanno tenuto banco durante il weekend.

"Il Coronavirus non esiste più": le parole di Zangrillo scatenano il dibattito e le polemiche
Cronaca Casatese, 01 Giugno 2020 ore 06:45

"Il Covid dal punto di vista clinico non esiste più": hanno scatenato il dibattito nella comunità scientifica, ma anche tante polemiche, le parole pronunciate dal missagliese Alberto Zangrillo, primario dell'Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione del San Raffaele di Milano, alla trasmissione "Mezz'ora in più" di Rai Tre nella giornata di ieri, domenica 31 maggio 2020.

LEGGI ANCHE Coronavirus: 7 nuovi positivi nel Lecchese, 43 nella Bergamasca. Vittime in calo in Lombardia

Zangrillo e il Coronavirus: tante le polemiche

"Mi viene veramente da ridere. Oggi è il 31 di maggio e circa un mese fa sentivamo gli epidemiologi dire di temere grandemente una nuova ondata per la fine del mese/inizio di giugno e chissà quanti posti di terapia intensiva ci sarebbero stati da occupare. In realtà il virus, praticamente, dal punto di vista clinico non esiste più" ha affermato il luminare residente a Missaglia, noto per essere anche il medico dell'ex premier Silvio Berlusconi. Tante le polemiche scatenate dalle sue parole, anche perché pronunciate proprio nelle ore in cui si sta scatenando la diatriba tra le regioni del nord e quelle del centro-sud in vista degli spostamenti extra regione che saranno possibili a partire da mercoledì 3 giugno. In serata, a supporto della tesi di Zangrillo, sono giunti però due pareri autorevoli: ovvero quelli del virologo Fabrizio Pregliasco e del direttore delle Malattie Infettive del San Martino di Genova Matteo Bassetti, che dalla trasmissione "Non è l'arena" de La7 hanno "parafrasato" le parole del luminare brianzolo: "Non voleva dire che il Coronavirus non c'è più, intendeva dire che chi è affetto da Covid arriva in ospedale in condizioni meno gravi. È un dato di fatto. Il virus è mutato, questa è la sensazione di chi lavora sul campo" ha affermato quest'ultimo.

Qui il video della trasmissione Mezz'ora in più (l'intervento di Zangrillo inizia a 1h 04m)

 

Necrologie