In queste ore avveniva lo scrutinio

Elezioni, un anno fa cambiavano gli scenari dei nostri paesi: ricordiamo com'era andata con il nostro SPECIALE

Merate diventò leghista, Casatenovo rimase al centro-sinistra. Tante le sorprese negli altri paesi.

Elezioni, un anno fa cambiavano gli scenari dei nostri paesi: ricordiamo com'era andata con il nostro SPECIALE
Cronaca Meratese, 27 Maggio 2020 ore 13:55

Esattamente un anno fa cambiavano gli equilibri politici della maggior parte dei comuni del Meratese, Casatese, dell'Isola e della Val San Martino. Proprio in queste ore, il 27 maggio 2019, cominciavano gli scrutini dei voti delle elezioni amministrative e i risultati sarebbero stati abbastanza sorprendenti.

Merate alla Lega, Casatenovo al centro-sinistra

Lo tsunami leghista, che nella notte aveva fatto registrare dati impressionanti un po' ovunque tra le province di Lecco e Bergamo, in realtà nelle realtà locali aveva assunto dinamiche differenti. A Merate il vento del Carroccio aveva soffiato nelle vele della coalizione di Massimo Panzeri, che aveva sconfitto il centro-sinistra di Aldo Castelli e surclassato il M5S di Pierluigi Bonfanti, che per la seconda volta consecutiva non era riuscito a conquistare nemmeno un seggio in Consiglio comunale.

Netta, a Casatenovo, la conferma di Filippo Galbiati, che aveva sconfitto il centro-destra guidato da Marco Pellegrini e la lista pentastellata di Christian Perego, capace però di strappare un seggio e quindi a riconfermarsi come l'unico consigliere "grillino" del nostro territorio.

Elezioni 2019, tante le sorprese

Tante le sorprese nei paesi. Ad Airuno clamorosa la sconfitta del sindaco uscente Adele Gatti, battuta dal giovane Alessandro Milani spinto dal centro-destra. Pesante la sconfitta leghista nell'ex feudo di Castello Brianza, dove Aldo Riva aveva battuto Luigina De Capitani. Impronosticabile la vittoria della leghista Roberta Marabese nella Stalingrado del Casatese, Cassago, dove il centro-sinistra ha pagato a carissimo prezzo la divisione nelle due liste capeggiate da Rosaura Fumagalli e Sergio Pini. Nella Bergamasca, eccezion fatta per Caprino Bergamasco dove Roberto Poletti ha vinto con una lista civica "democratica", per il resto è stato un tripudio leghista o comunque dei candidati sostenuti dal centro-destra.

Rileggi lo speciale sulle elezioni 2019 pubblicato dal Giornale di Merate lo scorso anno

14 foto Sfoglia la gallery

 

Necrologie