Menu
Cerca
Tragedia

E' morto il bimbo di tre anni travolto da un'auto nel parco. L'investitore non poteva guidare

Il piccolo, dopo due giorni in ospedale, è spirato

E' morto il bimbo di tre anni travolto da un'auto nel parco. L'investitore non poteva guidare
Cronaca Brianza, 04 Giugno 2021 ore 19:05

Purtroppo non ce l'ha fatta il bambino di 3 anni che alle 12 circa di   mercoledì 2 giugno 2021, è stato travolto da un'auto a Paderno Dugnano mentre si trovava al parco con la famiglia. Il piccolo è deceduto oggi all'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, dove era stato trasportato in elicottero in condizioni disperate e dove ha lottato per la vita per due giorni.

Tragico incidente a Paderno: morto bimbo di tre anni

Tra i primi a raccontare la vicenda sono stati i colleghi di PrimaMilanoOvest.  Il piccolo si trovava, con la mamma e il papà, nel Parco Lago Nord, a Paderno Dugnano. La famigliola stava scattando delle foto quando, all'improvviso, un'auto ha sfondato la recinzione del parco e l'ha travolta. Mentre i genitori sono rimasti illesi, il bambino è stato invece colpito in pieno e le sue condizioni sono parse subito molto gravi. Alla guida della vettura c'era un uomo di 72 anni, che, per motivi ancora da accertare, ha perso il controllo della vettura lungo via Amendola. Sul luogo dell’incidente, in codice rosso, sono arrivate tre ambulanze, un'automedica e l'elisoccorso decollato da Bergamo, oltre ai Carabinieri della Compagnia di Sesto San Giovanni e i Vigili del fuoco di Monza.

5 foto Sfoglia la gallery

Dopo le prime pratiche di rianimazione eseguite direttamente sul posto, il bambino è stato caricato sull'elicottero e trasferito all'ospedale di Bergamo. Qui sembra che i soccorritori siano riusciti a rianimare per alcuni istanti il bambino, che però è purtroppo morto poco dopo.

L'investitore non poteva guidare

Le indagini successive al tragico sinistro hanno fatto emergere un ulteriore particolare. Il settantaduenne non poteva infatti mettersi al volante. Non solo perché quel tratto è chiuso alle auto (e bisognerà capire perché ci è entrato), ma soprattutto perché non aveva la patente. Attualmente è ricoverato in ospedale, in Terapia intensiva: ha riportato la frattura del femore e un enfisema polmonare.

Necrologie