Casatenovo

Il progetto definitivo di Santa Giustina è stato depositato

Ecco gli interventi che verranno apportati sull'edificio storico

Il progetto definitivo di Santa Giustina è stato depositato
Casatese, 27 Giugno 2020 ore 12:35

Pur con le difficoltà operative degli ultimi mesi, i progettisti incaricati hanno depositato nei giorni scorsi il progetto definitivo per il restauro della chiesa di Santa Giustina, subito trasmesso alla soprintendenza per il parere di competenza.

LEGGI ANCHE: Casatenovo: riaprono le sale studio della biblioteca

La lunga storia di Santa Giustina

La chiesa di Santa Giustina è un edificio di epoca romanica-rinascimentale, con origini nella Casatenovo medioevale. L’edificio, di proprietà del comune, è entrato a far parte del progetto “Antiche chiese, nuove prospettive” che ha ottenuto un importante contributo da Fondazione Cariplo, Il contributo ricevuto, unito a risorse proprie del comune di Casatenovo, permetterà di realizzare un progetto di restauro e rifunzionalizzazione della chiesa.

Progetto di restauro di Santa Giustina: ecco gli interventi

“È un progetto di restauro articolato e complesso che interviene su molti aspetti che caratterizzano un bene ricco di storia: aspetti architettonici, funzionali, relativi alla staticità, al rischio sismico, ai sotto-servizi, al restauro degli affreschi. Per questa ragione, i progettisti hanno mantenuto un rapporto costante con Sovrintendenza in questi mesi” – ha spiegato l’assessore del comune di Casatenovo, Guido Pirovano – “È stato un lavoro affascinante da cui è scaturita anche una relazione storica che ha permesso di ricostruire tutti gli interventi eseguiti sulla chiesa nei secoli. Relazione che metteremo a disposizione della cittadinanza a breve”

Il progetto di restauro prevede tra gli interventi principali: delle opere di miglioramento sismico; delle opere di deumidificazione; opere di difesa delle murature (intercapedine perimetrale arena); revisione manto copertura chiesa e cuspide conica del campanile; allontanamento acque meteoriche dalla cella campanaria,;restauro conservativo apparati murari interni, decorazioni, affreschi; restauro serramenti; il restauro marmi e legni dell’altare maggiore; il trattamento pavimentazioni in cotto; la conservazione opere in ferro (tiranti, grate ecc ..); il ripristino funzionalità campana (a corda), un nuovo impianto elettrico ed illuminazione, impianto audio e rete dati, impianto anti intrusione; una linea vita cella campanaria.

Il comune deve attendere ora il parere della soprintendenza, per poi procedere secondo le indicazioni della stessa alle fasi successive e alla approvazione del progetto esecutivo, per poi indire la gara d’appalto.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia