Attualità
Casatenovo

Villa Facchi torna a vivere ancora più bella

"Smart e young: sarà uno spazio di libera aggregazione, incontro e confronto per le proprie attività di lavoro e studio"

Villa Facchi torna a vivere ancora più bella
Attualità Casatese, 28 Settembre 2021 ore 09:53

Sono in fase di ultimazione i lavori a Villa Facchi, che dopo il percorso di riqualificazione torna a vivere più bella, più sicura e più accessibile.

"I progettisti e l’impresa hanno fatto un lavoro egregio, andando ad agire su un bene architettonico e storico tutelato, in un confronto costante con la Sovrintendenza - sottolineano Daniele Viganò, Assessore ai Lavori pubblici e Gaia Maria Giulia Riva, Consigliere con delega alle Politiche giovanili del Comune di Casatenovo -  Le soluzioni tecniche sono state pensate per un intervento di conservazione rispettoso del bene architettonico e per questo anche non semplice nella sua esecuzione. Ora villa Facchi ha anche un ascensore che garantisce a tutti l'accesso al piano superiore".

5 foto Sfoglia la gallery

"Stiamo lavorando con un gruppo di Consiglieri - sia di maggioranza sia di minoranza - alle proposte di rifunzionalizzazione di questi spazi, con il prezioso supporto della Dott.ssa Simona Milani, responsabile dell’Ufficio Sociale e Cultura, affinché le sale siano a disposizione in particolare dei giovani per iniziative culturali, di formazione e secondo modalità di fruizione spontanea (sale studio, co-working) - aggiungono -  Avevamo immaginato un percorso per Villa Facchi Smart and Young proprio prima della pandemia: ora, terminato il cantiere, con l'estensione nella vita di tutti noi di attività da remoto, smart working, lezioni online, ci appare ancora più interessante che a Casatenovo ci sia uno spazio di libera aggregazione, incontro e confronto per le proprie attività di lavoro e studio"

Villa Facchi manterrà anche il ruolo di sala civica che sarà messa a disposizione, soprattutto la sera, per associazioni di volontariato, partiti politici, enti culturali, associazioni di categoria e sindacati.

Necrologie