Attualità
chiesa gremita

Ultimo saluto commosso all'alpino Carlo Fumagalli

"Carletto nacque Fumagalli, ma per me si addormenta Lurani"

Ultimo saluto commosso all'alpino Carlo Fumagalli
Attualità Meratese, 23 Gennaio 2023 ore 12:02

Chiesa stracolma di persone per l'ultimo saluto all'alpino Carlo Fumagalli, morto investito, domenica 8 gennaio 2023 a Merate. A celebrare il funerale è stato il parroco di Cernusco, don Alfredo Maggioni, presenti il sindaco Gennaro Toto con il consigliere Antonio De Luca, vicino di casa e amico di Carlo Fumagalli. Presenti anche gli alpini di Cernusco con il cappello e alcune delegazioni del territorio con i gagliardetti, in veste ufficiale il comandante della Compagnia dei Carabinieri di Merate Edonio Pecoraro.

In moltissimi per l'ultimo saluto a Carlo Fumagalli

Chiesa gremita di persone per il funerale, celebrato oggi, lunedì 23 gennaio 2023, di Carlo Fumagalli. Il parroco di Cernusco, don Alfredo Maggioni ha celebrato la funzione alla presenza del sindaco di Cernusco Gennaro Toto, del consigliere Antonio De Luca, vicino di casa e amico di Carlo Fumagalli, degli alpini di Cernusco, di alcune delegazioni del territorio e del comandante della Compagnia dei Carabinieri di Merate Edonio Pecoraro, in chiesa anche la polizia locale e numerosi amministratori.

"Dal giorno della morte di Carletto a oggi è passato tanto tempo - ha affermato don Alfredo nella predica - ho avuto tempo per pensare. Io riesco a dire solo bene di Carletto e a "bene-dire" la sua vita. Questi giorni che sono passati li ho sentiti come una mancanza di rispetto e facciamo bene ad essere qui, dobbiamo aiutare Carletto a rispondere alle sue domande, tutti quegli interrogativi difficili che riguardano il suo percorso di fede.
La misura della nostra vita siamo noi, non possiamo chiedere agli altri di renderci grandi se noi non rendiamo grandi gli altri. Il signore ci invita ad avere pensieri sereni anche di fronte a una morte drammatica, a non dire "avrei potuto fare di più" perché l'abbiamo fatto anche prima".

Alcuni amici lo hanno ricordato leggendo un breve pensiero scritto da Federico Lurani, castello dove aveva lavorato: "di Carletto ricordo la costanza non come costante presenza ma costante unione, era sempre testimone silenzioso della storie della nostra famiglia a Cernusco. Con nostro adorato Carletto se ne va pezzo della storia dei Lurani, dobbiamo gioire di aver goduto del suo occhio vigile e anima dolce durante la nostra impronta a Cernusco. Carletto nacque Fumagalli, ma per me si addormenta Lurani".

All'uscita il capogruppo degli alpini Felice Longoni ha chiamato "alpino Carlo Fumagalli" e in tutta risposta tutti gli alpini hanno detto "presente", dopodiché si è cantato "Signore delle cime" in un momento di grandissima commozione.

1e88a92c-e1b8-42c5-b939-5693fc16df0d
Foto 1 di 4
ffe406d8-e566-45a6-b006-08d6655006aa
Foto 2 di 4
352f1bc8-6eae-4f9e-b99c-1635131fafcf
Foto 3 di 4
a7af57ff-c954-43b8-9423-2f948b41a61b
Foto 4 di 4

La tragedia

Una tragedia che ha sconvolto tutto il paese che, oggi, lunedì 23 gennaio 2023, si è ritrovato nella chiesa Parrocchiale per l'ultimo saluto all'alpino Carlo Fumagalli, tragicamente morto mentre stava attraversando la strada. L'incidente stradale si è verificato domenica 8 gennaio 2023, intorno alle 17.30. Complice la scarsa visibilità per buio e pioggia torrenziale, un anziano all'altezza della nota trattoria La Cava ha travolto Carlo Fumagalli con una Fiat Stilo. Quest'ultimo aveva appena parcheggiato la macchina nella zona limitrofa alla concessionaria Opel Sala per poi dirigersi al bar Il Girasole Cafè. Fatale lo schianto che non ha lasciato scampo a Fumagalli, nonostante il repentino intervento dei soccorsi.

Seguici sui nostri canali
Necrologie