"Carramba che sorpresa"

Non si vedevano da mezzo secolo: riuniti due amici alpini

E' una di quelle storie che aprono il cuore quella di Gianni Aondi di Monte Marenzo e Bruno Gagliani di Olgiate Molgora che si sono re incontrati  dopo 50 anni.

Non si vedevano da mezzo secolo: riuniti due amici alpini
Attualità Meratese, 05 Luglio 2021 ore 10:44

Non si vedevano da mezzo secolo: riuniti due amici alpini. E' una di quelle storie che aprono il cuore quella di Gianni Aondi di Monte Marenzo e Bruno Gagliani di Olgiate Molgora che si sono re incontrati  dopo 50 anni.

Non si vedevano da mezzo secolo: riuniti due amici alpini

Una reunion alla "Carramba che sorpresa" che ha emozionato entrambi, aprendo la scatola dei ricordi che li hanno tenuti idealmente uniti per questi 10 lustri. Nonostante entrambi abitino nel Lecchese infatti, le loro strade non si sono mai più incrociate al quel lontano 1970 quando insieme hanno prestato servizio militare negli Alpini prima a Bra poi nel 7° regimento alpini a Feltre provincia di Belluno.

"Come spesso accade dopo il congedo, si sono persi di vista - racconta Angelo Fontana della Polisportiva Mone Marenzo, testimone del toccante ritrovamento che è avvenuto proprio nel piccolo Comune della Valle San Martino - Bruno sapeva che Gianni abitava a Monte Marenzo, però non sapeva la via e voleva ritrovarlo".

LEGGI ANCHE Vigilessa sparita: indagato per concorso in omicidio anche il fidanzato calolziese di una delle figlie

L'olgiatese ha trovato il nome dell'amico su un elenco telefonico e così un bel giorno di giugno ha deciso  di fare una gita per ritrovare un pezzo del suo passato. "Arrivato a Monte ha trovato la signora Elfrida alla quale ha chiesto indicazioni e lei, che conosce bene Gianni, lo ha aiutato indicando una casa sul cui balcone sventolava la bandiera dell'Inter".

Gagliani si è fatto coraggio e ha suonato al campanello. "Quando Gianni è uscito per vedere chi fosse non ha riconosciuto l'amico, ma quado Bruno ha abbassato la mascherina ha capito tutto rimanendo  tanto stupito quanto felice".

E c'è da scommettere che dopo questa bellissima sorpresa i due amici alpini non si perderanno più di vista.

 

Necrologie