Coronavirus

Rsa Olgiate: i decessi sono 28, riaprono le visite

Il sindaco Giovanni Battista Bernocco ha aggiornato la cittadinanza sulla situazione nella Casa famiglia e in tutto il paese.

Rsa Olgiate: i decessi sono 28, riaprono le visite
Meratese, 19 Aprile 2020 ore 09:35

Nuovi decessi nella Rsa Olgiate. In una settimana i decessi legati al Coronavirus sono saliti da 23 a 28.

Rsa Olgiate: i decessi sono 28

Ad annunciare l’aggravarsi della situazione nella Casa famiglia di via Aldo Moro è stato il sindaco Giovanni Battista Bernocco durante la consueta diretta del sabato sulla pagina Facebook Olgiate Rinasce. “La situazione all’interno della nostra Rsa è ancora di emergenza, da giovedì il numero dei defunti è salito a 28. Ogni nuova morte di cui vengo informato è motivo di grande tristezza e dolore. Ho avuto modo di incontrare e di conoscere molte delle persone che sono venute a mancare, ognuno di loro aveva vissuto una vita ricchissima e di esempio per tutti noi, anche e soprattutto in questo momento, e la doverosa condivisione dell’informazione sul numero degli scomparsi vorrei che ci aiutasse a fermarci un momento e a pensare a quelle storie, a quelle vite, strappate all’affetto dei loro cari. Anche per questo vi chiedo di resistere, di rispettare le disposizioni e di non uscire di casa. A inizio maggio il Governo – mi auguro di concerto con le Regioni e i Comuni – comunicherà le nuove misure per affrontare l’emergenza. Noi ora dobbiamo stringere i denti, lo dobbiamo anche a chi non è più tra noi” ha spiegato il primo cittadino con evidente dispiacere.

Rsa Olgiate: riaprono le visite dei familiari

Bernocco ha poi precisato di aver concesso alla struttura per anziani di ripristinare le visite con i familiari a partire da domani, lunedì 20 aprile 2020, anche se in maniera differente rispetto a come avvenivano prima della diffusione del Coronavirus. “Nei prossimi giorni, in accordo con l’Amministrazione comunale e garantendo le misure di sicurezza, l’RSA permetterà ai famigliari degli ospiti in salute, con accessi programmati e a distanza, di salutare i propri cari. Auspico che questa scelta possa dare un po’ di conforto ai nostri anziani – ha dichiarato – Chi sta bene fisicamente è però molto provato nello spirito ed è depresso, magari rivedere i familiari in giardino gli darà conforto”.

La vicinanza dell’Amministrazione e del parroco

Anche don Carlo Motta, parroco di Calco e reggente a Olgiate, ha voluto tendere una mano alla struttura di via Aldo Moro. “Celebrerà una Messa nel prato e gli anziani dall’alto potranno vederlo, dato che non hanno avuto nemmeno la funzione di Pasqua” ha spiegato Bernocco. “Per il 25 aprile non ci saranno manifestazioni istituzionali, ma come Amministrazione canteremo l’inno nazionale davanti alla Casa famiglia, di modo che gli anziani possano vederci. Voglio che sia un nuovo inizio per tutti gli anziani ricoverati”.

I contagi in paese

La situazione dei contagi a Olgiate Molgora continua ad essere stazionaria: i casi positivi sono 33, i guariti sono saliti a 12 e le persone in sorveglianza attiva sono 26. I decessi ufficialmente legati al Coronavirus risultano 9, fermo restando che solo 3 delle persone venute a mancare nella casa di riposo sono incluse in questa lista.

Leggi anche:

Troppe bufale sul Coronavirus. Ecco le ultime fake news sfatate 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia